Carige, Di Maio attacca indirettamente il PD per il fallimento

Carige

Secondo Luigi Di Maio, il fallimento di Banca Carige è dovuto ai rapporti con la politica. E torna alla carica con tutti i nomi dei debitori

Luigi Di Maio non perde mai l’occasione per fare antipolitica. E non perde mai l’occasione per attaccare il Partito Democratico, che secondo lui rappresenta il Diavolo in persona. Questa volta, a sostegno della sua ipotesi, interviene la vicenda di Banca Carige, che il ministro smaschera in un question time alla Camera.

La crisi è dovuta alla gestione scellerata, non solo per l’incompetenza dei manager ma anche per le commistioni della politica. Questo è il segreto di Pulcinella, che vecchia politica e banche sono andate a braccetto.” ha dichiarato Di Maio.

Con il decreto Carige, l’obiettivo è proprio quello di evitare situazioni del genere.
Non so se interverremo ma se mettiamo dei soldi, la banca diventerà dei cittadini. In passato i soldi andavano solamente a coprire chi aveva creato il danno. Noi eviteremo che questo pesi sui lavoratori e i cittadini del territorio. I risparmiatori non dovranno pagare le colpe dei manager. Ai responsabili chiederemo di restituire i mega-bonus visto il disastro che hanno creato.

Alla fine, Di Maio non si è risparmiato, e ha indicato quelli che, secondo lui, sono i responsabili: “Ecco chi c’è dietro la cortina di nomi: Alessandro ScajolaLuca BonsignoreGiovanni Marongiù Alberto Repetto.

Lo “smascheramento” è avvenuto. Ma a che pro?