La Cina impone la legge anti-secessione, timori per nuovi scontri



hong kong
Immagine da Pixabay

In Cina nuove norme sulla sicurezza nazionale ad Hong Kong. La città si prepara ad un addio al modello “un Paese, due sistemi”

È in arrivo la temuta stretta della Cina su Hong Kong, una mossa «a tutela della sicurezza nazionale». La nuova legge sanzionerà secessione, eversione contro lo Stato, terrorismo e interferenze straniere. La mossa supererebbe lo scrutinio del Parlamento dell’ex colonia e spianerebbe la strada all’apertura nella città di un Ufficio sulla sicurezza nazionale di Pechino. Dunque non saranno più necessari i permessi del Governo locale.

Il premier Li Keqiang ha affermato che l’obiettivo è «istituire solidi sistemi giuridici e meccanismi di applicazione per salvaguardare la sicurezza nazionale. Nelle due regioni Hong Kong e Macao i governi adempieranno alle loro responsabilità costituzionali».

La Cina seguirà «i principi e le politiche di riferimento» su Taiwan, opponendosi «con fermezza» e dissuadendo «qualsiasi attività separatista in cerca dell’indipendenza». Il premier ha assicurato che saranno «migliorate le disposizioni, le politiche e le misure istituzionali per incoraggiare gli scambi e la cooperazione tra le due parti. Li incoraggeremo – ha aggiunto – a unirsi a noi e a opporsi all’indipendenza e nella promozione della riunificazione della Cina».

Il governo di Taiwan chiede alla Cina di evitare «grandi turbolenze» a Hong Kong. Il Consiglio per gli affari continentali di Taipei ha definito sbagliato il comportamento del Partito comunista di incolpare le influenze esterne e «i separatisti dell’indipendenza di Hong Kong». La norma è destinata a scuotere alle fondamenta il modello “un Paese, due sistemi” che regola attualmente i rapporti tra Hong Kong e Pechino. Ciò comporterà una creazione nell’ex colonia con un nuovo round di prevedibili proteste del fronte anti governativo e pro democrazia.

La reazione USA

Dopo l’annuncio di Pechino, i senatori accelerano su una proposta di legge per imporre sanzioni contro funzionari e istituzioni cinesi che vorrebbero minare l’autonomia dell’ex colonia britannica. Il democratico Chris Van Hollen e il repubblicano Pat Toomey hanno dichiarato, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, che la legge su cui già stavano lavorando è diventata più urgente dato l’annuncio di Pechino. Gli obiettivi della proposta di legge includeranno funzionari cinesi che applicano la nuova legislazione sulla sicurezza nazionale. “Vorremmo imporre sanzioni a persone che sono complici della repressione illegale della Cina su Hong Kong.” ha dichiarato Van Hollen.

Leggi anche