Coronavirus, Decathlon dona 10mila maschere da sub



Coronavirus Ibuprofene avigan
pixabay

Una società bresciana ha scoperto come trasformare le maschere da snorkeling in respiratori. Decathlon ne dona 10000 alle regioni italiane

La società bresciana Isinnova ha individuato come trasformare delle maschere da snorkeling Easybreath, in nuovi respiratori utilizzabili per i pazienti contagiati da Coronavirus. 

L’ idea è di un ex primario dell’Ospedale di Gardone Valtrompia, il dott. Renato Favero, che è venuto a conoscenza di Isinnova. Il collaudo del prodotto è andato a buon fine, il prototipo infatti è stato testato sia su una persona sana, sia su un paziente in stato di necessità. Isinnova ha poi precisato che il brevetto rimarrà ad uso libero perché è nostra intenzione che tutti gli ospedali in stato di necessità possano usufruirne”.

L’idea abbastanza semplice di modificare questi prodotti venduti da Decathlon Italia potrebbe rivelarsi molto d’aiuto per l’emergenza Coronavirus. Infatti l’azienda specializzata nella vendita di abbigliamento sportivo si è subito messa a disposizione, fornendo subito il disegno del prodotto che è stato studiato, smontato e modificato con l’aggiunta del nuovo componente per il raccordo al respiratore. 

Decathlon inoltre ha deciso di regalare 10mila maschere da snorkeling Easybreath alle regioni italiane. Ecco il comunicato:

“In una situazione di emergenza sanitaria come quella attuale e in estrema carenza di presidi respiratori ordinari, nell’attesa dei test e delle sperimentazioni in corso presso il Politecnico di Milano e sulla base delle risultanze del brevetto della Società Isinnova, abbiamo deciso di donare 10.000 unità delle nostre maschere da snorkeling Easybreath alle regioni italiane, responsabili della sanità pubblica. La chiave di distribuzione utilizzata sarà la quota di accesso abitualmente adottata per la ripartizione dei fondi statali”.

Coronavirus: a Bellizzi modelli in 3D in supporto alla sanità

#Attualità +++ SPECIALE CORONAVIRUS +++ A Bellizzi Andrea Morretta produce a ritmi serrati valvole e dispositivi da utilizzare su maschere da snorkeling riadattate in veri e propri respiratori. I prodotti sono stati già donati all'ospedale di Brescia ed altri ancora saranno destinati agli ospedali di Milano e Torino.Servizio di Francesco Celetta

Pubblicato da Zerottonove.it su Giovedì 26 marzo 2020

Leggi anche