De Luca traccia il bilancio dei 6 mesi di attività

PoliticaDe Luca traccia il bilancio dei 6 mesi di attività

Il Presidente De Luca traccia il bilancio delle attività svolte nei primi 6 mesi e gli obiettivi per il 2016

[ads1]In mattinata il Presidente De Luca ha tenuto la conferenza stampa per illustrare le attività fin’ora avviate e svolte in questi primi 6 mesi di governo e per presentare i progetti per il 2016.

Facendo l’escursus delle attività avviate e svolte in questo periodo tra luglio e dicembre 2015 De Luca si è soffermato su quelli che sono per lui, ormai, i suoi cavalli di battaglia, quali lo Sportello unico per le imprese, la drastica riduzione delle società partecipate, investimenti nel trasporto pubblico, le leggi per il riordino delle Province, per il Ciclo delle acque, per i precari della Sanità, e, ancora, il programma di eliminazione delle ecoballe e lo scioglimento dell’ARSAN.

Senza dimenticare il lavoro di sburocratizzazione radicale che sarà il “fil rouge” che caratterizzerà l’azione dell’Amministrazione.

De Luca
Foto Di Blasi

Il Presidente ha affermato: “io rivendico la decisione di aver messo mano alla macchina amministrativa, rivendico di aver deciso, e ringrazio la mia maggioranza per questo, di essere passati da 43 a 6 Società partecipate”. Aggiunge che “tutto sarà fatto nel rispetto dei lavoratori e delle professionalità maturate nelle aziende” ma “non tollereremo più una virgola di parassitismo e clientelismo”.

Nei prossimi mesi sarà data funzionalità al neo costituito Sportello unico per le imprese e sarà avviato il riordino delle società partecipate. Si comincerà ad intervenire sui Consorzi ASI, sugli IACP e sugli uffici del Genio Civile.

Aggiunge, inoltre, che per sostenere l’azione amministrativa dei settori dell’Ambiente e della Sanitàsposteremo dirigenti che abbiamo in sovrannumero in alcuni settori e sottodimensionati in altri, dove abbiamo una clamorosa sottodotazione”.

Si procederà nell’ottica della trasparenza a mettere in linea un nuovo sito web istituzionale che renderà più trasparente le attività e dovrà facilitare il cittadino, come ad esempio per il pagamento delle tasse auto.

Passando al problema delle ecoballe sottolinea che il 23 è stata pubblicata la gara e che per la primavera del 2016 si partirà con l’attività di rimozione che vedrà impegnata la Regione per almeno 2/3 anni, ma, aggiunge, bisogna decidere su due cose: la localizzazione degli impianti di compostaggio – ne sono previsti 12 – da realizzare, ed individuare le cave dove effettuare la ricomposizione ambientale, dove portare i rifiuti stabilizzati.

Ancora, nel 2016, bisognerà risolvere il problema dei Consorzi di bacino e dei Forestali. Si immagina di utilizzare i primi presso i Comuni perché, sottolinea, “non si può pensare che siano lì senza far nulla”.

Per quanto riguarda il grande tema della Sanità bisognerà intervenire sui “tetti di spesa”, cancellandoli, ed effettuando un controllo mensile per verificare se c’è uno sforamento, prima di accorgersene troppo tardi. Si faranno  i contratti con le strutture della Sanità privata convenzionata e poi si interverrà  sull’annosa questione delle liste d’attesa, eliminando lungaggini insostenibili per i malati. Inoltre, nei prossime 2 o 3 mesi si provvederà alla nomina dei Direttori Generali. De Luca aggiunge poi che il prossimo anno sarà il decollo dell’Ospedale del Mare e saranno realizzate le reti di emergenza: “abbiamo iniziato con la rete dell’infarto miocardico acuto, procederemo con la rete dell’Ictus, con quella dei politraumi, la rete pediatrica e la rete dei trapianti, tutto questo sarà decisivo per la c.d. mobilità passiva”.

Inoltre, per ciò che riguarda gli ospedali di Capri, Ischia e Agropoli, che vedono una bassa frequenza nei periodi ottobre/aprile, il Presidente dichiara che “non ci possiamo permettere di non avere una struttura solo per un mero ragionamento contabile” e pertanto, si interverrà in modo da assicurare tale presenza e non la chiusura.

Infine, per i disabili sarà stabilito per legge che le risorse destinategli vadano direttamente alle ASL, perché attualmente confluiscono nei Piani Sociali di Zona comportando notevoli ritardi.

Per quanto riguarda i trasporti dichiara che bisognerà completare gli investimenti e definire i contenziosi in corso. Per il 2016 si vorrebbe portare a termine un progetto ecosostenibile per i collegamenti costieri finanziandolo con i Fondi 2014/20.

Nel settore della cultura si ragionerà su un’unica struttura di programmazione e di intervento, anche nel campo del turismo, individuandola nella SCABEC.

Tra le altre cose che, nella lunga conferenza, il Presidente De Luca elenca aggiunge l’impegno alla bonifica dell’annoso problema dell’ISOCHIMICA di Avellino, l’avvio reale dei lavori per le funivie di Montevergine e Castellammare e la ripartenza del Metrò del Mare, nonché la bonifica dell’area ASI di CAIVANO con la realizzazione delle infrastrutture energetiche, fognarie e raccolta acque. Conclude con una particolare attenzione alla sicurezza del rischio Vesuvio, relativo ai piani di evacuazione dell’area dei comuni vesuviani.

Per quanto riguarda le proposte di legge si interverrà con una nuova legge di revisione urbanistica per ridefinire con il Ministero dei beni culturali le fasce di vincolo; una legge sul voto di fiducia, una sulla gestione dei rifiuti ed un’altra sulla gestione dei Parchi, perché dichiara: “non si può avere una legge che porta alla mummificazione di quei territori e all’impossibilità di dare vita ad attività economiche compatibili con l’ambiente, perché un agriturismo non deturpa l’ambiente ma lo valorizza e consente di avere attività economiche”. Conclude dichiarando che ci sarà anche una legge sull’editoria e per la valorizzazione del mondo dell’informazione e dei giornalisti, così come previsto nel programma elettorale.

Il Presidente De Luca, termina ringraziando i gruppi della maggioranza in Consiglio Regionale, ma anche quelli di opposizione che “hanno fatto scelte responsabili nel lavoro del Consiglio”. [ads2]

Redazione ZONhttps://zon.it
I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Covid-19

Italia
93,017
Totale di casi attivi
Updated on 2 August 2021 - 21:08 21:08