I Dik Dik perdono uno dei suoi storici fondatori: si è spento il chitarrista Erminio Pepe Salvaderi: “Ci incontreremo nei nostri sogni”

Il 2020 si conferma un anno funesto per il mondo della musica: dopo che un mese fa i Pooh hanno perso il loro storico batterista, Stefano d’Orazio, oggi un altro amatissimo gruppo della musica italiana Anni Sessanta-Settanta piange la scomparsa di una sua colonna: è morto Erminio Pepe Salvaderi, chitarrista, tastierista, seconda voce e fondatore dei Dik Dik.

Potrebbe interessarti:

A darne l’annuncio con un post su Facebook, sono stati i suoi colleghi Lallo e Petruccio, che hanno scritto: “Ciao Pepe! Te ne sei andato a suonare con gli angeli e ci hai lasciato qui a piangerti e ricordarti per sempre“.

E ancora: “Noi non ti abbiamo perso e non ti perderemo mai, perchè sei e sarai sempre dentro di noi. E ti promettiamo una cosa, l’ultimo lavoro quello che hai voluto tanto non andrà perduto. Ciao fratello, amico, grande musicista. ciao Pepe, ci incontreremo dentro tutti i nostri sogni”.

Unitisi come complesso nel 1965, i Dik Dik (che prima si chiamavano Dreamers e poi ancora Squali) hanno ottenuto un contratto discografico con la Dischi Ricordi grazie ad una segnalazione dell’allora arcivescovo di Milano Giovanni Battista Montini, poi Papa Paolo VI. Tra i loro maggiori successi L’Isola di Wight e Sognando la California, cover di una hit dei The Mamas and The Papas, scelta nella colonna sonora del film Netflix “L’Incredibile storia dell’Isola delle Rose”.

Letture Consigliate