erba

L’erba legale ha potenti effetti calmanti: si dice che sia un buon alleato della forma fisica, soprattutto per chi stia cercando di perdere peso, e che se usata in creme e sieri possa dare un aspetto decisamente migliore e più giovane alla propria pelle; senza contare che è notoriamente un’alternativa meno dannosa alla sigaretta in attesa di smettere di fumare

È per questo che la cannabis light e una serie di suoi derivati sono diventati molto popolari negli ultimi anni, sdoganati al grande pubblico da star, influencer e personaggi famosi. Per chi sia alle prime armi, per chi per le prime volte si avvicini al mondo dei prodotti CBD ecco, allora, le quattro principali cose da sapere sull’erba legale.

Potrebbe interessarti:

(Almeno) quattro cose da sapere sull’erba legale

A partire dalla principale: la cannabis light è un derivato – o sarebbe meglio dire una classe di derivatidalla varietà di canapa conosciuta come Sativa. La sua caratteristica è di avere una concentrazione di THC, il cannabinoide considerato responsabile degli effetti psicotropi e psicoattivi delle altre varietà di erba, inferiore a una soglia fissata allo 0.6% (in Italia, per altri Paesi non è così).

La diretta conseguenza di quanto appena detto è che la cannabis legale non può essere considerata una sostanza stupefacente, né è in grado di alterare le condizioni psichiche di chi la assume o il suo livello di concentrazione per esempio e la capacità di guidare o manovrare macchinari.

È questo che la rende una sostanza perfettamente legale in Italia. Legale ne è l’acquisto: tanto che non c’è ormai città che non abbia il suo cannabis shop di riferimento, ma si può anche acquistare erba legale in anonimato online sugli e-commerce specializzati in prodotti CBD. Legali ne sono la detenzione e il consumo, oltre che la coltivazione: con un po’ di pollice verde si può dar vita, cioè, alla propria piccola coltivazione indoor od outdoor di cannabis Sativa avendo cura solo di optare per semi selezionati e conservare tutta la documentazione riguardo al loro acquisto in caso di controlli.

Attenzione però, a proposito di cose da sapere sull’erba legale, agli acquisti di cannabis light effettuati in altri paesi o destinati ad altri paesi: se è possibile sarebbe sempre meglio preferire, anche quando si acquista online, produttori e merchant europei in modo da avere la certezza che i più alti standard produttivi e di sicurezza siano rispettati e, più pragmaticamente, per evitare che il proprio ordine non venga fermato alla dogana perché non rispetta la famosa soglia limite dello 0.6% di THC; se si acquista da e-shop italiani per ricevere l’ordine di cannabis light all’estero, attenzione invece che potrebbero esserci regole e parametri diversi sul consumo di questo cannabinoide.

Tra le altre cose da sapere sull’erba legale vale la pena almeno accennare anche al fatto che, per quanto spesso alcune informazioni parziali o imprecise rischino di creare confusione, è cosa ben diversa dalla cosiddetta cannabis terapeutica. L’inganno nasce anche dal fatto che la cannabis light può essere effettivamente consigliata per trattare alcuni disturbi, anche cronici: rimane, però, un ausilio in più e non è, come la cannabis terapeutica, un vero e proprio trattamento che prevede, tra l’altro, prescrizione medica acquisto in farmacia. Sarebbe bene comunque, anche quando si intende sfruttare i benefici della marijuana legale contro alcuni disturbi come il dolore da trauma o infiammazione o l’acne e le manifestazioni cutanee e ancora i disturbi intestinali, chiedere il parere di un medico di fiducia e mai, per nessuna ragione, abbandonare le eventuali terapie che si stanno già seguendo.

Chi per la prima volta approdi al mondo dei prodotti CBD è probabile comunque si aspetti soprattutto una guida ai benefici della cannabis light e alle ragioni per cui cominciare a farne un uso, se non abituale, almeno consapevole e che vada oltre la semplice serata rilassante in compagnia degli amici durante la quale si fumano sigarette di erba light. Non è semplice, al di là di poterne citare alcuni come si è già fatto, riassumere tutti i benefici della marijuana legale.

Quello da cui può essere interessante partire è da cosa dipendono: in tutti i derivati dalla cannabis Sativa, a basse concentrazioni di THC fa il pari un’alta concentrazione di un altro cannabinoide, il cannabidiolo o CBD, che interagisce con l’organismo umano per via ormonale e attraverso il cosiddetto meccanismo endocannabinoide. Ciò fa sì che i cosiddetti prodotti CBD possano svolgere un’azione antidolorifica, antinfiammatoria, antiemetica e che concretamente ciò si traduca nella capacità dell’erba light di agire come calmante del dolore o del gonfiore, per esempio, in caso di traumi muscolari o di calmare il senso di nausea in caso di affezioni, anche croniche, a carico del sistema digerente ma, anche, di svolgere una vaga azione anti-aging ed è questa la ragione per cui spopolano sempre di più le pomate, i sieri, le creme a base di cannabis nelle profumerie e nei negozi di cosmetica.

Naturalmente che possa svolgere un’azione calmante è, non tra le cose da sapere sull’erba legale, ma tra quelle che effettivamente tutti conoscono e spingono molti al primo approccio col mondo dei prodotti CBD: quello che non tutti hanno in mente quando acquistano tisane calmanti a base di canapa o liquidi per sigarette elettroniche alla cannabis è che, soprattutto in altre formulazioni, la marijuana light può essere sfruttata, oltre che per indurre un blando senso di rilassamento la sera e dopo un’intensa settimana di studio o di lavoro, anche per trattare disturbi dello spettro ansioso per esempio.

Proprio a proposito di formulazioni, quello di cui si ci accorge subito quando si entra in un canapa shop o si apre un e-commerce di cannabis light è che ci sono in vendita ormai davvero un’infinità di prodotti CBD: dalle più classiche infiorescenze da fumare all’olio CBD in diverse concentrazioni, passando per le capsule gel di CBD e per innumerevoli prodotti piuttosto commerciali, dall’e-liquid al cannabidiolo a farine e preparati alimentari a base di canapa.

Non c’è, però, un derivato dalla cannabis light in assoluto migliore degli altri: tra le cose da sapere sull’erba light c’è, invece, il fatto che può avere degli effetti piuttosto soggettivi e che, quindi, può passare parecchio tempo prima di trovare che tipo di prodotto CBD fa più al caso proprio e apporti concretamente dei benefici.

Letture Consigliate