Fargo 02×07 – Analisi e Curiosità



fargo

Fargo 2: una puntata introspettiva, dialoghi che raccontano l’anima, una guerra che confonde il vero con il falso. Un nuovo personaggio entra nella famiglia Gerhardt

Fargo 2: Did You Do This? No, You Did It! è il titolo della settima puntata. Leggi le recensioni QUI. 

NARRAZIONE

[dropcap]U[/dropcap]n ritmo più lento, che entra nelle psicologie dei personaggi per raccontarli al pubblico di Fargo. Continua la dialettica famiglia Gerhardt e mafia di Kansas City, che sempre più spietata, mostra la raffinata mente omicida di Mike Milligan; un uomo colto, dal linguaggio sofisticato, elegante e complesso. La giustizia invece, continua il suo corso verso l’espiazione dei peccati del Minnesota. Nuovi risvolti all’interno del nucleo Gerhardt e nella struttura organizzativa della mafia: personaggi che lasciano la scena mentre altri ne prendono il sopravvento. Strategiche e amare confessioni della madre dei fratelli Gerhardt cercherà di ristabilire un ordine ormai crollato. La settima è una puntata che porta alla rivoluzione celeste, quando una stella compie l’intero giro del cielo prima di portare all’innovazione. 

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]
FOTOGRAFIA[dropcap]C[/dropcap]ontinua la dicotomia tra gli interni, immersi in un contrasto accentuato, e l’esterno luminoso che riflette il bianco della neve e le distese incolte del Minnesota. Gli interni racchiudono segreti, ingiustizie, confessioni, intime paure di non farcela; mentre il Minnesota, quel grande ventre materno che contiene il bene e il male, intrattiene i Gerhardt in un tradizionale istinto alla sopravvivenza dell’impero familiare. La luce manifesta le azioni che in casa rimangono all’oscuro, perché è il luogo dove la giustizia intima diventa universale.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

Regia[dropcap]S[/dropcap]i alternano associazioni visive e formali a momenti introspettivi. Una regia che cerca di esprimere il pensiero dei personaggi attraverso l’uso del montaggio parallelo sempre più ragionato e sofisticato. Mentre i Gerhardt seppelliscono Otto, la mafia si prepara al prossimo piano; i personaggi, si esprimono guardandosi o riflettendosi agli specchi, che ritornano spesso in questa puntata di Fargo 2, mostrando un doppio che non si manifesta apertamente, ma che è insito, inconscio, in fieri. Una puntata in cui le riprese spesso partono dal basso per arrivare al piano lungo o al dettaglio dell’attore, come espressione di una Fargo che rimane ancorata alla sopraffazione e all’arretratezza. Fargo è ormai il passato rispetto alla mafia, ma chi vincerà questa dura lotta?

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

Colonna-Sonora

[dropcap]L[/dropcap]a musica è sempre una commistione di grottesco e tragico: se l’intro e il finale della puntata sono imbevute di note country e un ritmo pop, ritornano spesso alcuni cenni alla colonna sonora di Fargo1, non solo cercando un legame il contrappunto tra lo spirito omicida e il tentativo di redenzione evocato dalla musica, ma dal grottesco si passa ad alcuni episodi di tragica descrizione psicologica o contorno di una scena drammatica.

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

Curiosità

[dropcap]D[/dropcap]iversi i punti che continuano ad fargo incuriosire: dov’è finito Dodd, il fratello maggiore che Bear cerca di sostituire e dimenticare, avendo coinvolto il figlio nella sparatoria nella macelleria di Luverne. Un personaggio sempre più cupo e misterioso, che compie un gesto terrificante tra gli alberi e sulla neve del South Dakota. Porta con sé un nuovo adepto: un giovane, che entra nelle dinamiche della famiglia con ridicolo senso d’inadeguatezza. Quale sarà il suo ruolo? Mentre Dodd, Peggy ed Ed, assenti in tutta la puntata, riescono a rimettere in moto la narrazione nel finale, garantendosi così lo spettatore anche nelle prossime puntate.

E l’indiano? Quale posto occupa, qual è il suo piano? Siamo alla settima puntata di Fargo2, ne mancano tre, e sono sempre tante le domande. Riuscirà a rimettere tutto a posto la serie Tv prodotta dai Coen?

In collaborazione con Serie Tv News

[divider style=”solid” top=”20″ bottom=”20″]

[taq_review]

Leggi anche