“Fast & Furious 8”, la recensione del film

fast & furious

L’ottavo capitolo della saga Fast & Furious è arrivato nei cinema italiani il 13 aprile, è stato tra i film più attesi in uscita ad aprile

project adv

Fast & Furious 8, film diretto dal regista F. Gary Gray, ha raggiunto in pochi giorni numeri pazzeschi. E’ stato proiettato in 829 sale cinematografiche italiane e già nel week-end subito dopo l’uscita ha incassato la somma di 6.156.364 euro, diventando film da record anche in  Italia.

La pellicola, rispetto ai film precedenti della saga, è sicuramente meno fast e più furious. La trama è avvincente, ricca di colpa di scena, tipica dei film americani. Scene pazzesche, effetti speciali straordinari, eppure non tutti i fan sono stati contenti di questa evoluzione della storia. Meno corse e  poche rissa di strada. Tutto questo è stato sostituito da una imminente guerra mondiale che deve essere sventata, bombe nucleari e hacker folli.

Guardando l’intera saga, e facendo il paragone tra i primi e gli ultimi film, si può notare la naturale evoluzione al passo con i tempi, e come quindi la saga di Fast & Furious sia la perfetta descrizione dell’evoluzione tecnologica degli ultimi anni, non solo per la tecnologia che prende il sopravvento ma anche per l’utilizzo di effetti speciali sempre più raffinati. Inoltre, il film, rappresenta una sorta di reunion. Troviamo infatti vecchi personaggi in nuove vesti.

La trama

Il film inizia con Toretto e Letty in luna di miele a Cuba, che si godono la tranquillità dopo gli ultimi eventi del settimo capitolo. La luna di miele viene improvvisamente interrotta da una donna bellissima e misteriosa, Cipher, una temibile hacker che ha come scopo quello di piegare il mondo al suo potere. Cipher si rivolge a Toretto per essere aiutata, il quale prima rifiuta il compito ma dopo si vede costretto ad accettarlo quando la donna gli mostra che ha in ostaggio la sua ex fidanzata Elena con un bimbo, loro figlio.

Nel frattempo Hobbs, che si era ritirato ad una vita più tranquilla con sua figlia, viene richiamato dal governo americano per recuperare una bomba potentissima E.M.P finita nelle mani sbagliate. Hobbs si rivolge alla squadra, compreso Toretto , per farsi aiutare in questa operazione, quindi tutta la squadra si reca a Berlino.  Anche Cipher vuole la bomba e proprio in occasione dell’operazione di recupero Toretto tradisce la squadra e consegna la bomba a Cipher.

Da questo momento in poi la storia va avanti con una guerra tra la squadra e Toretto, solo Letty è convinta che Toretto sia stato plagiato dalla donna che lo ha spinto ad unirsi a lei con l’inganno.

La squadra si allarga con Deckard Shaw e con un nuovo agente di Frank Petty.

Gli scontri avverranno prima a New York, che sarà invasa da macchine impazzite e poi in Russia. Proprio durante gli scontri di New York Toretto riuscirà a mettersi in contatto con la mamma di Shaw e con lei preparerà il piano che riuscirà a mettere in atto per salvare suo figlio, la sua squadra e il mondo intero privando Cipher di ogni suo mezzo. L’hacker riuscirà comunque a scappare ma per il momento non desta preoccupazioni.

 

 

Video del giorno