Fattura elettronica, le novità in vigore dal 1 Luglio

fattura elettronica
immagine da pixabay

Il 1 Luglio entrano in vigore diverse novità per quanto riguarda la fattura elettronica. Ad esempio, la possibilità di inviarle entro 10 giorni dalla data di emissione

Tra pochi giorni scade il periodo di transizione per l’anno d’imposta 2019 sulla fattura elettronica. Infatti il 1 Luglio entra in vigore a tutti gli effetti il nuovo metodo di fatturazione per i possessori di partita IVA. Costoro, per evitare di incorrere in sanzioni da 250€ a 2500€, avranno l’obbligo di comunicare le fatture elettroniche emesse entro il 10 del mese successivo. L’obbligo vale anche per chi emette scontrini ed un volume d’affari superiore ai 400 mila euro annui.

Al momento dell’invio della fattura, è importante indicare anche la data in cui è stata effettuata l’operazione e quella in cui è stato corrisposto tutto o in parte il corrispettivo in oggetto alla fattura.

La fattura elettronica presenta tuttavia alcune eccezioni: in generale le comunicazioni vanno effettuate tramite il Sistema di Interscambio (SdI), eccezion fatta per i soggetti tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria. Quindi il divieto di trasmissione tramite il SdI è valido per:

  • prestazioni sanitarie erogate a persone fisiche;
  • prestazioni miste (sia spese sanitarie, sia voci di spesa non sanitarie) che devono essere indicate sotto la voce “altre spese”;
  • non sanitarie dalle quali, però, è possibile desumere lo stato di salute del cittadino.