Ibrahimovic
Foto da Twitter AC Milan

Ibrahimovic ha realizzato un’intervista per Sportweek. Lo svedese senza peli sulla lingua: “Rangnik? Non so chi sia. Sto giocando gratis”

Zlatan Ibrahimovic ha concesso un’intervista a Sportweek, il settimanale de La Gazzetta dello Sport. La rosea ha pubblicato un breve estratto delle dichiarazioni dello svedese. L’attaccante come al solito non ha mostrato peli sulla lingua ed ha discusso apertamente di tutto, senza nessun velo di ipocrisia.

Ibrahimovic gioca per vincere qualcosa o sta a casa, non è un giocatore da Europa League, così come il Milan non è un club da Europa League. Sarà necessario un faccia a faccia con Gazidis. Ma se le cose stanno cosi è difficile che rimanga”.

Zlatan ha poi risposto ad una domanda circa il futuro allenatore e dirigente del Milan, Rangnick. La risposta è stata tutto fuorché banale: “Non so chi sia.

Sono tornato solo per passione, sto giocando gratis. Mi avevano detto che chiudere in America era troppo facile e allora sono tornato. Perché Ibrahimovic è nato per giocare a calcio ed è ancora il migliore. Infine sempre parlando del futuro: “Difficile vedermi ancora al Milan il prossimo anno. Non se c’è un altro club, non chiudo mai le porte. Ma vado solo in un posto dove comando, non in un posto dove le parole non valgono niente. Ho ancora troppa passione per quello che faccio”.