Inter-Juventus
Foto: Facebook Inter

Il derby d’Italia si tinge di nerazzurro. Conte porta Pirlo a scuola di tattica: i bianconeri soffrono e pagano le assenze

L’Inter vince il derby d’Italia con una gara convincente. Bocciata la Juventus, mai in partita e costretta sempre a rincorrere. I nerazzurri volano a quota quaranta punti in classifica, bianconeri a meno sette ma con una partita da recuperare.

Potrebbe interessarti:

La partita

I nerazzurri concedono il possesso del pallone alla Juventus, che gestisce il gioco in maniera molto lenta, senza mostrarsi pericolosa. Il direttore di gara annulla giustamente un gol di Ronaldo, punendo una posizione irregolare di Chiesa. L’Inter nelle ripartenze parte molto bene, soprattutto sulla catena di destra con la coppia Hakimi-Barella, che mette in difficoltà Frabotta.

Vidal segna il più classico dei gol dell’ex con un colpo di testa in inserimento su cross di Barella, autore di un grande primo tempo. In difficoltà la coppia Bentancur-Rabiot, sempre in ritardo sul pressing e male nel gestire il possesso. Lautaro Martinez sciupa una ghiotta palla gol calciando alle stelle su una respinta di Szczesny. Molto bene l’Inter nei primi quarantacinque minuti, Juventus disordinata.

Pronti via e il secondo tempo parte con il botto: Bastoni con un lancio taglia la difesa bianconera e regala su un piatto d’argento il pallone del 2-0 a Barella. Colpevole Frabotta che non copre la diagonale. Pirlo cambia subito ma la Juventus no. L’Inter continua ad uscire sempre bene dal pressing.

La Vecchia Signora crea l’unica occasione da gol a cinque minuti dal termine, con Chiesa che chiama al miracolo Handanovic. Lezione tattica e tecnica di Conte, rimandato Pirlo.

Inter Juve 2-0: risultato e tabellino

Reti: 12′ Vidal, 52′ Barella

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, Chiellini, Frabotta (57′ Bernardeschi); Chiesa, Bentancur, Rabiot (57′ McKennie), Ramsey (57′ Kulusevski); Morata, Cristiano Ronaldo. All. Pirlo. A disp. Buffon, Pinsoglio, Garofani, Demiral, Di Pardo, Dragusin, Arthur, Fagioli, Ranocchia.

Inter (3-5-2): Handanovic; Skiniar, De Vrij, Bastoni; Hakimi, Barella, Brozovic, Vidal (76′ Gagliardini), Young (72′ Darmian); Lukaku, Lautaro (85′ Sanchez). All. Conte. A disp. Padelli, Radu, Kolarov, Sensi, Ranocchia, Perisic, Eriksen, Pinamonti

Arbitro: Doveri

Ammoniti: 36′ Bonucci, 59′ Young, 62′ Morata, 67′ Barella

Letture Consigliate