Jackie: il biopic sulla first lady Jacqueline Kennedy



Jackie

Al cinema il film che ripercorre i giorni successivi all’uccisione di John Fitzgerald Kennedy: Jackie

Il regista Pablo Larraín, che ha diretto recentemente un altro film biografico Neruda, si cimenta ancora con una biografia: Jackie. Il film, che vede come protagonista Natalie Portman nei panni della First Lady, racconta i giorni successivi all’uccisione di John Fitzgerald Kennedy, il 35° presidente degli Stati Uniti, a Dallas il 1963.

Alcune informazioni sul film.

La sceneggiatura prima di passare allo schermo era in circolazione già da qualche anno a Hollywood, anzi era addirittura finita nella Black List (dei film non ancora prodotti ma interessanti) e come regista era stato designato Darren Aronofsky (già regista del Cigno Nero e Requiem for a dream), il quale rifiutò proponendosi invece come produttore, a patto che fosse Natalie Portman a interpretare Jacqueline : “Ci si chiede se esista qualcuno in grado di interpretare Jackie, una figura così iconica. Ma quando Natalie recita ci si dimentica che è Natalie. In qualche modo, grazie alla sua magia, riesce a scomparire in ogni ruolo”. Il film fu quindi affidato a Pablo Lorraìn e presentato al Festival di Venezia nel 2016 dove vinse il premio come miglior sceneggiatura.

La pellicola è incentrata solo sugli eventi successivi alla morte di Kennedy, alternata a un’ intervista a Jackie in cui parla e ripensa a quei giorni. Ripercorre i momenti più salenti, ricostruendo con grande precisione gli eventi pubblici ben documentati: dall’attimo in cui Kenendy viene colpito durante la sfilata in visita ufficiale alla città; a Jacqueline che decide di non cambiare vestito, affermando “Voglio che tutti vedano cosa hanno fatto a John”; per poi ritornare a Washington con l’Air Force One con la bara del marito fino all’organizzazione del funerale.

Natalie Portman, ha affermato di aver a lungo lavorato per entrare nella parte della First Lady, sopratutto per ricreare la sua particolare voce servendosi anche del supporto di un linguista.

Il film è già candidato agli Oscar per le categorie di: Migliori Costumi, Miglior colonna sonora e Miglior Attrice Protagonista.

 

 

Leggi anche