Le Iene scherzo
Screen

Vittima dello scherzo de Le Iene di questa sera è Alessio Cragno, portiere della Nazionale. Per il calciatore l’incontro con la criminalità russa

Alessio Cragno, portiere del Cagliari e della Nazionale Italiana, cade nella trappola de Le Iene. Complici dello scherzo sono Joao Pedro e Leonardo Pavoletti.

Potrebbe interessarti:

Lo scherzo

I due compagni di squadra passano a prendere Cragno in auto e lo portano a cena in un hotel di Cagliari. Dopo un aperitivo alcolico che brucia ai calciatori le papille gustative, accompagnato da tartare di tonno e noccioline, i tre vengono accompagnati dal cameriere in una saletta privata dove consumano della vodka, offerta (all’insaputa di Cragno) da un presunto criminale russo, Vladimir.

Il telefono di Joao squilla: dall’altra parte della cornetta, un uomo che gli offre una villa in Brasile del valore di 6 milioni in cambio di qualche favoretto. Pavoletti chiarisce ogni dubbi: “C’è questo ragazzo che dice ‘se mi fai goal quella domenica lì ti faccio un regalo‘”. Cragno inizialmente non vuole saperne nulla ma i suoi compagni lo incalzano. Il portiere si veste da buon samaritano: “Fossi in voi direi basta“.

Dopo la cena, Cragno viene portato in casa Vladimir e presentato al boss. Il portiere deve aiutare Joao e Pavoletti a risolvere alcuni problemi con il criminale. Dopo l’ingresso nel salotto di presunte prostitute, il boss si isola con Cragno e gli offre ancora della vodka. Poi gli dice: “Il tuo amico Joao mi ha fatto perdere soldi. Devi risolvere tu.” Nel frattempo, si sentono le urla dei compagni fintamente torturati. Nonostante tutto, Cragno mantiene integra la sua anima sportiva.

Letture Consigliate