Liberato: il nuovo fenomeno social napoletano che vive nell’anonimato

liberato

“Tu t’e scurdat’ ‘e me'” è il secondo brano di Liberato. Una storia d’amore nata e conclusa tra le strade di Napoli

project adv

Si sa, il fascino dell’ignoto ha sempre attirato un gran numero di persone! Si pensi ai vari supereroi mascherati che nascondono il loro volto ottenendo sempre più “appeal“. Ma da oggi anche la scena dell’underground napoletano ha il suo “Zorro” (o Spiderman o qualsivoglia personaggio mascherato). Liberato è il nuovo fenomeno social della scena partenopea che sta ottenendo numeri da capogiro pur vivendo totalmente nell’ombra.

Sia chiaro: finora ha pubblicato solo due singoli su Youtube per cui è ancora troppo affrettato parlare di “talento rivoluzionario“. Ma i presupposti ci sono tutti ed anche la critica più esperta sta iniziando a sbilanciarsi su quello che è ritenuto il “crack” della scena musicale napoletana. Come ben sappiamo la popolarità non è sinonimo di qualità ma in questo caso le due realtà coincidono, fortunatamente.

Il primo singolo “Nove Maggio” ha raggiunto il milione di views in 4 mesi. Il secondo ed ultimo dal titolo “Tu t’e scurdat’ ‘e me’” ha fatto anche meglio: 1.600.000 visualizzazioni in poco più di due mesi. Sono numeri impressionanti ed altissimi per un appartenente al circuito indie. Per di più che scrive totalmente in dialetto. Per di più che vive e si crogiola nell’anonimato più totale e si diverte a far impazzire i propri fan.

I fan, per l’appunto. Liberato sta riscuotendo consensi in ogni dove. Addirittura Roberto Saviano ha affermato:

“Liberato, un altro mistero napoletano. Non m’importa chi sia, ma da giorni mi inietto nei timpani come un tossico “Nove Maggio” e “Tu t’e scurdat’ ‘e me”. […]. Liberato sta piacendo perché è accogliente: lo ascolta chi ama l’hip hop, chi la trap, chi l’indi e chi ascolta i neomelodici.
Ha tracciato un nuovo confine alla musica. Benvenuto!”

Ma guai a chi lo considera solo un rapper o solo un neomelodico. In un intervista anonima in Caps lock rilasciata a Rolling Stones Liberato afferma:

“M’AT’ MAJE VIST’ RAPPA’ A ME? MO’ GIUST’ PECCHE’ CANT’ NAPULITAN’ AGGIA ESSER’ PE’ FFORZ’ NEOMELODICO? VABBUO’, VAI FACILE…
JE TUTT’ STU BISOGN’ ‘E METTR N’ETICHETT’ ‘NGOPP’ ‘E CCOS’ NUNN’O ‘TTENG…SI SI’ SINCER’ PUO’ ESSERE RAPPER, NEOMELODICO, CANTANT’, CHELL’ CH’ ‘BBUO’ TU’” 

(“mi avete mai visto rappare a me? Adesso solo perché canto in napoletano devo essere per forza un neomelodico? Vabbé, la fai semplice… Io tutto questo bisogno di etichettare tutto non ce l’ho. Se sei sincero puoi essere un rapper, un neomelodico, un cantante, quello che vuoi tu”).

Care ‘ngopp”o golf’ ‘na stella

“Tu t’e scurdat’ ‘e me'” è legata indissolubilmente a “Nove Maggio”. Non solo perchè il brano è stato postato proprio in questa data ma anche perchè, molto probabilmente, narrano la stessa vicenda. “Tu t’e scurdat’ ‘e me'” racconta una storia d’amore nata e conclusa tra le strade di Napoli e consumata tra Mergellina, Procida, Forcella, Niside, Marechiaro, Trentaremi. Un mix di cavalleresche allusioni (“chiure ll’uocchie par’ ‘cchiu bell”) e triste constatazione dei fatti (“Je cu’ tte ce so’ rimast’ asott'”). I love you peccere'”: così termina il brano, con un’affermazione amara di chi quei balli “‘nfaccia ‘o mar'”  non riesco proprio a scrollarseli dalla testa.

Dolci promesse, carezze sotto forma di parole, frecciatine all’ormai ex fiamma, ricordi di un passato felice. Non mancano contaminazioni anglofone (“It’s me and you”) a metà tra la beffa ed il serio. Tutto questo filtra in maniera diretta grazie alla penna efficace di Liberato e ad un arrangiamento ben studiato. Synth, raggae, rap, hip-hop, indie, RnB, neomelodico. C’è davvero un pò di tutto in questo Liberato. Sarà per questo che piace così tanto?

Intanto, seppure nell’anonimato, noi ci godiamo alla grande Liberato: nuovo capostipite di un nuovo genere di una nuova Napoli!

Testo del Brano

Scennimmo a Mergellin’
Nun ne parlamm’ cchiù
‘E cinche d”a matin’
It’s me and you
‘Na rosa ‘e ciento spin’
Seje mise senz”e te
‘Na bott’ dint”o cor’
Tu t’hê scurdat’ ‘e me

In gir’ a Mergellin’
Te port’ addo’ vuo’ tu
‘Nu miezz’ pacchettin’
It’s me and you
‘Na rosa ‘e ciento spin’
Si stongo senz”e te
Ca piogg’ dint”o cor’
Tu t’hê scurdat’ ‘e me

Tu t’hê scurdat’ ‘e me
Tu t’hê scurdat’
Tu t’hê scurdat’ ‘e me

Care ‘ngopp”o golf’ ‘na stella
Chiove ‘ngopp’a Procida
E tu t’hê scurdat’ ‘e me
Guarda ‘e fuoche abbascio Furcell’
Chiove ‘ngopp’a Nisida
E tu t’hê scurdat’ ‘e me
Chiure ll’uocchie par’ ‘cchiu bell’
Chiove ‘ngopp’ a Procida
E tu t’hê scurdat’ ‘e me
Ce stanno e fuoc’ abbasc’ Furcell’
Chiove ‘ngopp’ a Nisida
E tu t’hê scurdat’ ‘e me

Video del giorno