Matilda De Angelis

L’attrice Matilda De Angelis non ha paura di mostrare la sua vera pelle, fatta di imperfezioni e normalità. Lo scatto diventa simbolo della battaglia contro la bellezza stereotipata

Giovane, talentuosa e coraggiosa, l’attrice di 25 anni, Matilda De Angelis si mette “a nudo” sui social. Lo scatto ritrae l’attrice a viso scoperto, senza trucchi ne inganni. Una pelle imperfetta, come tante, che sa di normalità e giovinezza, ma che nel settore della bellezza sarebbe di certo corretta, aggiustata o nascosta.

Potrebbe interessarti:

Matilda De Angelis non ci sta e aggiunge un altro tassello alla lotta contro gli stereotipi che vorrebbero una bellezza perfetta, irraggiungibile, priva di imperfezioni o difetti. Non è la prima volta che l’attrice mostra il suo viso al naturale, con quelle ‘cicatrici‘, brufoli o acne, di cui De Angelis non vuole più vergognarsi.

“Le cicatrici” della pelle

Il primo piano in bianco e nero dell’attrice, punta l’obiettivo sul viso, sulla pelle di una giovane donna fiera delle sue imperfezioni. La foto ha già riscosso una notevole visibilità su Instagram, ma soprattutto il messaggio scritto dall’attrice, che recita così: ‘Sono diventata molto fiera delle mie cicatrici. Mi ricordano di tutte le volte che ho pianto perché non mi sentivo bella e di quanto non me ne fotta in realtà un cazzo di essere bella. Che non so nemmeno cosa significhi. Ora sono molto fiera di loro, loro sono belle come @camillacattabriga che mi fotografa sempre per quella che sono davvero ‘.

Messaggio condiviso prima di lei anche dalla modella Kendall Jenner, che in occasione dei Golden Globe del 2018 si era mostrata ai flash dei paparazzi senza filtri, decidendo di non coprire i brufoli sulla sua pelle. Gli scatti furono immediatamente bombardati da critiche e messaggi negativi, senza però scalfire la tenacia di Jenner: ‘Never let that shit stop you!‘. Critiche sprezzanti anche per la modella di Gucci, Arimine Harutyunyan, lontana dai canoni di una bellezza standardizzata, troppo diversa da ciò che viene richiesto a una super model internazionale.

Bellezza 2.0

Soltanto qualche tempo fa sarebbe stato impensabile, per star di questo calibro, mostrarsi a viso scoperto, nella loro naturalezza. Che questo sia sintomo di un cambiamento radicale di come concepire e costruire un’ideale di bellezza troppo a lungo nutrito da falsi stereotipi, sembra più che plausibile. Qualcosa inizia a muoversi e la consapevolezza del proprio corpo, fatto di imperfezioni e quotidianità, va di pari passo con la battaglia, sempre più fitta, contro il body shaming e il bullismo da tastiera.

Piattaforme come Instagram, Facebook e TikTok, insieme all’industria pubblicitaria, cinematrografica e non solo, hanno per troppo tempo sponsorizzato un pacchetto precostituito di bellezza. I canoni e i requisiti sempre chiari, senza spazio per eccezioni, imperfezioni o diversità. Dalla taglia 38 a una pelle liscia e levigata, gli ideali a cui le giovani donne, spesso molto molto giovani, si interfacciano, portano con se un senso di inadeguatezza e di disagio.

Quello di Matilda De Angelis è solo un piccolo passo verso un processo di sensibilizzazione più ampio, difficile da scardinare, ma che vale la pena combattere. Brufoli, cellulite o smagliature, potranno in futuro essere specchio di un’ideale di bellezza più vicino alla realtà, un ricalcolo necessario, per una bellezza 2.0, aggiornata e più incline al principio di autenticità.

Letture Consigliate