commedie

Gli anni del nuovo millennio sono stati straordinari per le commedie. Immergiamoci in un viaggio alla riscoperta delle migliori degli anni 2000

Le nuove tecnologie utilizzate per le riprese hanno fatto sì che i film cominciassero ad avere un aspetto migliore e, grazie ad una società via via più progressista, anche la comicità è cambiata.

Potrebbe interessarti:

Se vi va di fare un viaggio lungo il viale dei ricordi, ecco alcuni dei migliori film comici degli anni 2000!

Hot Fuzz (Edgar Wright, 2007)

Hot Fuzz è una commedia d’azione ambientata nel Regno Unito. La trama vede due agenti di polizia indagare su una serie di omicidi in un paesino della West Country britannica.

Il film segue lo stile tradizionale dei gialli, con un mucchio di contrattempi esilaranti e molte scene d’azione mentre si cerca di scoprire chi è il colpevole. È ideale per coloro che solitamente amano i film d’azione, ma un po’ meno impegnativo di altri film dello stesso genere!

L’alba dei morti dementi (Edgar Wright, 2004)

L’alba dei morti dementi è una commedia-horror (non preoccupatevi se non vi piacciono i film dell’orrore, perché appartiene decisamente più al genere commedia!) ambientata nel quartiere Crouch End di Londra. Shaun e il suo migliore amico Ed si svegliano un sabato, un po’ sbronzi… e scoprono che è in atto un’apocalisse zombie per le strade della città.

Cercano di salvare l’ex fidanzata e la madre di Shaun ma, sulla strada, la madre viene morsa. Il film è un po’ cruento e ci sono alcune parti impressionanti, ma resta per lo più una classica commedia britannica.

È un film molto conosciuto sia in Gran Bretagna che all’estero.

Little Miss Sunshine (Jonathan Dayton e Valerie Faris, 2006)

Questo film ha delle scene tristi ed appartiene al genere della commedia drammatica più che a quello della commedia in senso stretto. Una famiglia fortemente disfunzionale, nella quale ognuno ha i propri particolari problemi, si reca a un concorso di bellezza affinché la componente più giovane della famiglia, Olive, possa parteciparvi.

Tutta la famiglia parte al concorso di bellezza a bordo di un furgone Volkswagen per risparmiare il prezzo del volo. Lungo la strada, tutti affrontano i propri problemi, spesso in modo del tutto peculiare. Molti di questi sono legati a traumi individuali, ma c’è sempre una prospettiva divertente nel modo in cui vengono affrontati.

Little Miss Sunshine è anche fonte di grande ispirazione. Olive non è la tipica bambina da concorso di bellezza: è semplicemente una bambina come tante altre. La famiglia si rende ben presto conto che Olive potrebbe venire umiliata sul palco a causa della sua differenza rispetto alle altre partecipanti. Piuttosto che permettere che ciò accada, l’intera famiglia si unisce alla sua performance di ballo, dando prova di vera solidarietà familiare. Finiscono per essere cacciati dal concorso, ma nel frattempo hanno imparato molto su loro stessi!

Il film tratta argomenti delicati e a tratti può essere angosciante ma, più di ogni altra cosa, mette in evidenza l’importanza della famiglia.

Una notte da leoni (Todd Phillips, 2009)

Tutti noi abbiamo trascorso “notte da leoni”, anche se forse non al livello di questi ragazzi. I protagonisti si svegliano dopo un turbolento addio al celibato trascorso a Las Vegas e cercano di ripercorrere gli eventi della notte passata.

Li abbiamo visti ubriacarsi pesantemente in hotel prima di giocare d’azzardo, abbiamo assistito alla celebre scena del conteggio delle carte al tavolo del blackjack di uno sfarzoso casinò e non abbiamo dimenticato alcune scene esilaranti. Invece nessuno di loro, proprio perché sotto effetto dell’alcol, ricorda questi particolari il giorno dopo!

La mattina seguente, infatti, si svegliano per scoprire che un membro della loro comitiva è scomparso e un altro si è sposato: dovranno sistemare le cose a Las Vegas prima del matrimonio, fissato per il giorno successivo.

È un film esilarante, con diversi momenti davvero memorabili, che vi farà fare grasse risate: se siete in vena di commedie, Una notte da leoni non vi deluderà. E se, appena terminato, ne vorrete vedere un altro, troverete anche Una notte da leoni 2 e Una notte da leoni 3!

Fratellastri a 40 anni (Adam McKay, 2008)

Questo film segue le vicende di due quarantenni che vivono ancora con un genitore. La madre di uno convola a nozze con il padre dell’altro, e i due figli devono imparare a convivere.

La loro immaturità è ciò che rende il film davvero divertente: all’inizio, si odiano e hanno la tipica rivalità tra fratelli che ci si aspetterebbe da persone con 30 anni di meno. A poco a poco, scoprono di avere molto in comune (in primis, proprio il fatto che a 40 anni vivono ancora con i genitori).

Il film ha molte battute scontate, ma è tipico della commedia e non mancherà di regalarvi qualche risata… soprattutto se anche voi venite da una famiglia simile!

Molto incinta (Judd Apatow, 2007)

Molto incinta è una commedia romantica che mette in scena le ripercussioni non troppo gradite di un rapporto occasionale. Alison Scott, una donna molto dedita alla propria carriera, si rende conto di essere incinta dopo l’avventura di una notte con Ben Stone, un tizio che fuma un mucchio di erba e con un lavoro tutt’altro che rispettabile.

I due si sono già resi conto di quanto siano diversi, ma decidono di tentare una relazione spinti dall’attesa del bambino. Il film è ricco di scene divertenti, ma presenta anche una discreta dose di momenti di crescita personale.

Borat (Larry Charles, 2006)

Borat – Studio culturale sull’America a beneficio della gloriosa nazione del Kazakistan è un tipo di commedia molto particolare. A tratti può risultare molto scomoda nel suo ritratto del Kazakistan, che è in realtà un Paese piuttosto moderno sotto vari aspetti. Tuttavia, l’espediente narrativo del falso documentario ha lo scopo di mettere in luce i difetti degli Stati Uniti, il Paese del regista Larry Charles.

Il film è diverso da molti altri per il fatto che è in gran parte senza copione. Il protagonista Borat discute con vari americani che lo credono uno straniero che non sa nulla del Paese. Incontra persone di ogni categoria sociale nella sua missione per la nazione e, attraverso la comicità, affronta alcune problematiche degli Stati Uniti di oggi.

Si tratta soprattutto di una commedia divertente, ma ci sono temi interessanti che attraversano il film e su cui vale la pena riflettere. Borat 2 è uscito nel 2020 ed è incentrato sulla pandemia di coronavirus e sulle elezioni presidenziali americane.

Conclusione

Dalle commedie in senso stretto fino alle commedie drammatiche e a quelle d’azione, gli anni 2000 sono stati un decennio straordinario per questo genere. Questi film vi faranno tutti ridere a crepapelle, ma alcuni vi faranno anche piangere dopo cinque minuti. Qualunque sia la vostra scelta, sono tutti film eccellenti. Allora, se avete voglia di una passeggiata sul viale dei ricordi, perché non mettere su uno di questi nel weekend?

Letture Consigliate