Maldini, milan, Belotti
foto da acmilan.com

La sconfitta di Bergamo ha aperto una vera e propria crisi interna del Milan. Secondo il Corriere della Sera, Boban e Maldini rischiano il posto

Il giorno dopo la debacle di Bergamo il Milan si interroga su quali possono essere stati i motivi di una sconfitta cosi pesante. Erano oltre 20 anni che i rossoneri non perdevano con 5 gol di scarto. Una sconfitta che ha di fatto cancellato le cose positive delle ultime settimane. Pioli, almeno per il momento, non rischia il posto, discorso diverso per Maldini e Boban.

Infatti, dopo la partita, il croato ha rilasciato le seguenti affermazioni riguardo al mercato di gennaio: “Sul mercato cercheremo di fare del nostro meglio rispetto a quello che ci permetteranno di fare”. Secondo il Corriere della Sera, queste dichiarazioni hanno fatto infuriare Elliott, aprendo una vera e propria lotta interna.

Secondo la proprietà, i soldi investiti nel mercato estivo, circa 160 milioni, sono stati spesi male. Il dirigente più incriminato è Maldini, accusato di aver costruito una squadra quarta in Serie A per monte ingaggi, che alla fine del girone di andata è undicesima con una media da zona salvezza.

In molti per questo motivo vorrebbero le dimissioni dell’ex capitano del Milan. La posizione dei due dirigenti è sempre più in bilico, e a fine anno entrambi potrebbero lasciare il Milan.