Milan, trionfo a Sorrento nella Msc Cup 2016

milan
Milan campione

Stadio Italia di Sorrento 10 aprile 2016 ore 11:00 finale torneo delle sirene

Milan 3 – Napoli 0. Marcatori: 13° Grassi; 32° Bassoli e 48° Capone

Trionfa il Milan alla terza edizione del torneo delle sirene di Sorrento. Dopo una settimana di gare con ben sedici squadre partecipanti,  si è arrivati alla finalissima al Campo Italia di Sorrento. Di fronte il Napoli di mister Sorano ed il Milan guidato dal tecnico Lupi.

milan
La terna arbitrale AIA di Castellammare di Stabia.

Ha diretto la gara il Sig. Di Martino, coadiuvato dagli assistenti Avitabile e Sorrentino della sezione AIA di Castellammare di Stabia. Con qualche minuto di ritardo rispetto alla tabella di marcia e dopo l’esecuzione dell’Inno di Mameli, la finalissima ha avuto inizio. Il Napoli subito in attacco con alcune occasioni nei primi dieci minuti, ma poi è il Milan che inizia a crescere con Colombo che tira da fuori, attento in presa sicura il portiere del Napoli. Al 13° il Milan in rete con uno dei migliori dei suoi, il n. 4 Grassi. Da qui un Milan crescente che   raddoppia  allo scadere di tempo, esattamente al 32° con il n. 14 Bassoli.

Milan
Il Milan e la MSC Cup 2016.

La ripresa con una reazione del Napoli che non porta frutti ed addirittura al 48° il Milan si porta sul tre a zero con Capone. La gara appare chiaramente andata per il Napoli che al 67° causa anche un calcio di rigore. Un’avvolgente discesa sulla destra del n. 7 Luscietti costringe un difensore del Napoli all’atterramento dell’attaccante milanista in area. Dal dischetto è lo stesso Luscietti che manda alto la palla sulla traversa e mister Lupi su tutte le furie. Così con il risultato finale di tre a zero sul Napoli il Milan si laurea campione della terza edizione del torneo delle Sirene di Sorrento ed alza al cielo la MSC Cup 2016.

milan
La Juventus al torneo delle Sirene del 2016.

Nella finale di consolazione tra Juventus e Sant’Aniello di Gragnano, per la conquista del terzo posto, a spuntarla è la Juventus con un largo punteggio sui ragazzi di Gragnano. Nonostante la sconfitta i ragazzi del “navigato” mister Gallo, da anni al Sant’Aniello, si meritano i complimenti dei loro avversari e di tutta la critica numerosa sulla tribuna del Campo Italia. Positive le parole di mister Antonio Gallo per i suoi ragazzi: “Sono soddisfatto di quello che i miei piccoli atleti hanno fatto vedere sul campo! Non bisogna dimenticare che noi abbiamo fatto i primi … dietro squadre di professionisti quale Milan, Napoli e Juventus”.

Nel corso dei festeggiamenti per la consegna della MSC Cup, abbiamo ascoltato anche il tecnico del Milan mister Lupi.

milan
Mister Lupi al Torneo delle Sirene 2016 a Sorrento.

P.D.: “ Mister bellissima soddisfazione e bel torneo, qui a Sorrento?”

Lupi: “Sì! E’ stato un bellissimo torneo, ci siamo trovati bene! Una grande organizzazione e sono contento, soprattutto perché i ragazzi hanno espresso un buon calcio. Certo c’è tantissimo ancora da migliorare, la soddisfazione maggiore è però quella di aver fatto venticinque-ventisei goals senza averne subito e resto, anche per questo molto contento!”

P.D.: “ Un complimento personale a Lei che fino all’ultimo secondo di gara, predicava grinta ai suoi giocatori.”

Lupi: “ In ogni gara bisogna avere sempre rispetto dell’avversario ed in campo vanno sempre messi i sani principi e i concetti con i quali noi sempre giochiamo!”

Articolo precedenteMamma e figlio amanti, succede in Gran Bretagna
Prossimo articoloEcco i migliori motori di ricerca per app
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...