Monte Taccaro, successo annunciato per il quarto Trail



monte
Trail Monte Taccaro 2015

Peppe Ifigenia, da sempre speaker ufficiale dell’evento “Trail Monte Taccaro”, anche quest’anno ha guidato la presentazione della quarta edizione

Venerdì 3 aprile 2015, presso la Pizzeria Mascolo in Angri, Peppe Ifigenia è stato la linea guida per la presentazione della quarta edizione del “Trail Monte Taccaro”.

monte

Alla presenza dell’On.le Alfano, il Sindaco di Angri, Pasquale Mauri, ha presieduto con l’Ass. allo Sport Sorrentino. La UISP è stata ottimamente rappresentata dal dott. Mastroianni e il Presidente Provinciale di Salerno, dott. Galvanese.

Come sempre, l’ideatore dell’evento, l’inossidabile Presidente della Angri Ranner Club, Aniello Cannavacciuolo: un uomo che non bada alle chiacchiere, ma che in prima persona guida il suo gruppo di podisti che sta allevando ragazzi in evidenza sul territorio nazionale.

Quando si presenta a una classica maratona, quella di 42 km, ormai è temuto un po’ da tutti nella sua categoria,  perché riesce ad arrivare sempre nelle primissime postazioni.

Appuntamento quindi ad Angri nel giorno del lunedì dell’Angelo, lunedì di Pasquetta.

monte

Il percorso sempre quello caratteristico in seno ai Monti Lattari, dove si sposa benissimo il connubio sport-natura.

La gara, giunta alla sua quarta edizione, sta riscuotendo tantissimo successo perché, oltre a esaltare i valori dello sport podistico, ha anche una valenza sociale e turistica.

A fine gara e dopo le premiazioni poi non smette di aleggiare l’atmosfera della Pasquetta: tutti a tavola presso il ristorante Elisa Mascolo.

Leggi anche



Articolo precedentePastiera napoletana e significato simbolico degli ingredienti
Prossimo articoloAvellino sconfitto dal Crotone e dai suoi problemi
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...