12 Febbraio 2022 - 20:16

Napoli: con questa Inter un punto che sta stretto. L’analisi

Il Napoli di Spalletti non va oltre il pari contro un'Inter decisamente scarica. Risultato giusto per entrambe le squadre?

Napoli Inter

Il big match di giornata tra Napoli e Inter non va oltre il risultato di 1-1. Per le due squadre un gol per tempo, ad inizio frazione di gioco. Ad Insigne dal dischetto nel primo tempo risponde Dzeko su rimpallo nella ripresa. Per i padroni di casa, vista la mole di gioco prodotta (soprattutto fino a metà gara) il risultato non può che andare stretto. L’Inter si tiene stretta il pari, mantenendo la diretta inseguitrice a debita distanza. Domani il Milan, con una vittoria, sarebbe virtualmente primo in classifica.

L’analisi di Napoli-Inter

Nella prima frazione di gioco il Napoli è sceso in campo nel migliore dei modi e con la convinzione della grande squadra. Il centrocampo, composto da un Lobotka in grande spolvero e da un Fabian Ruiz mai così qualitativamente dominante, supportato dalla batteria dei trequartisti di qualità (Insigne, Zielinski e Politano/Elmas), si è rivelato la vera chiave del match per i padroni di casa. L’Inter, al solito spaventosa sul piano fisico, è parsa molto stanca ed appannata.

Soltanto grazie al gol di Dzeko ad un minuto dall’inizio della ripresa la formazione ospite è stata in grado di trovare le motivazioni per rimettersi in carreggiata e per riacciuffare una gara che sembrava ormai compromessa. Nel secondo tempo il Napoli è calato molto, forse intimorito dalla foga agonistica degli avversari, e non è riuscito a produrre la stessa mole di gioco mostrata ad inizio gara.

Tra i partenopei il migliore in campo è sicuramente stato Koulibaly. Il senegalese, reduce dalla storica vittoria della sua nazionale in Coppa d’Africa, ha sfoderato forse la miglior prestazione della stagione, mostrando quanto la sua assenza sia pesata all’ombra del Vesuvio. Tra i migliori in campo dell’Inter merita una menzione particolare Perisic, autore di una gara autorevole di grande abnegazione e costanza.

L’arbitraggio

L’arbitro Doveri ha diretto la gara tutto sommato bene. Sempre nel vivo dell’azione, mai distratto, ha adottato un metro di giudizio equilibrato lasciando molto giocare le squadre. Inevitabilmente questo ha (non volontariamente) sfavorito il Napoli che, non dominante fisicamente, non è riuscito a guadagnare calci di punizione da posizioni invitanti. L’Inter, dal canto suo, non ha sofferto l’applicazione di questo metro di giudizio, sfoderando una grande prova sul piano fisico.

Situazione di classifica

L’Inter, con una partita da recuperare, è riuscita a tenere il Napoli a distanza che, vincendo, si sarebbe ritrovato primo in classifica in solitaria, almeno fino alla partita di domani del Milan. Sono proprio i rossoneri, infatti, ad avere tra le mani la possibilità di comandare il campionato vincendo alle 12:30 in casa con la Sampdoria.