Natale al Museo, ecco le mete d’Arte preferite dagli italiani

Natale

Con le vacanze di Natale i più grandi musei d’Italia si aprono per far ammirare al pubblico i suoi bellissimi tesori. Ecco gli appuntamenti da non perdere

Il Natale è di sicuro un’occasione perfetta per poter ammirare il patrimonio artistico e culturale all’interno dei musei italiani. Moltissime, infatti, le mostre aperte da ora fino ad inizio del prossimo anno assolutamente da visitare.

A Milano con Tiziano e Caravaggio

Dal 24 fino al 26 dicembre  il Palazzo Reale ha ospitato Toulouse Lautrec, ma anche una mostra dedicata a Michelangelo Merisi, noto come Caravaggio. Le indagini condotte sulle sue opere saranno in grado di svelare elementi nuovi e sorprendenti. 

Un’altra esposizione dedicata al Merisi, chiamata “L’ultimo Caravaggio. Eredi e nuovi maestri”, che si svolgerà alle Gallerie d’Italia, è una reinterpretazione dell’artista contemporaneo Omar Galliani. 

Dal 5 dicembre al 14 gennaio, invece, la Sacra Conversazione 1520 di Tiziano sarà esposta a Palazzo Gozzi. 

Van Gogh padrone di Vicenza

La Basilica Palladiana ha aperto i battenti, tranne nel giorno della Vigilia, a “Van Gogh tra il grano e il cielo”, una raccolta del pittore olandese di 43 dipinti ed 86 disegni. Essi sono un un diario per immagini che racchiudono tutto il fascino e la bellezza struggente del suo mondo interiore.

A Firenze si ritorna al Cinquecento

Il Palazzo Strozzi di Firenze, che si sta preparando ad ospitare dal 16 marzo 2018 anche Guttuso, Pistoletto, Schifano ed Alberto Burri, nel frattempo diventa teatro del Cinquecento, con Michelangelo, Pontormo, Giorgio Vasari e Giambologna. Si tratta di un percorso di 70 opere che si snodano lungo questo arco temporale.

A Bologna la Rivoluzione Russa di Chagall, Kandinsky e Malevich

Il Museo D’arte Moderna di Bologna ospita, in occasione del Centenario della Rivoluzione Russa, le opere di artisti come Malevich (Il Cerchio Nero), Kandinsky e Chagall (La Promenade), che hanno segnato l’inizio di un grande fervore culturale nella cornice storica rivoluzionaria.

Bernini, Monet e Picasso passano per Roma

Dal 24 al 26 dicembre, dietro prenotazione, i romani hanno potuto assistere alla mostra su Gian Lorenzo Bernini alla Galleria Borghese, mentre al Complesso del Vittoriano Monet ha stupito tutti nei medesimi giorni. Ai Musei Capitolini cìè stato Winchelman con la Roma del Settecento, al Palazzo Barberini sono andati in scena invece gli Arazzi Barberini.

Gli appassionati d’Arte hanno anche potuto ammirare le famose composizioni buffe di Arcimboldo, per poi contemplare Parade, la più grande opera di Picasso. Alle Scuderie del Quirinale un’altra esposizione dedicata a Picasso, “Tra cubismo e classicismo. 1915-1925”.