nausica della valle

Annullato l’incontro di “Cristiani per servire”, sul cui manifesto compare la giornalista tv Nausica Della Valle dal titolo: “Perchè non sono più lesbica”. Fioccano le polemiche

In queste ore Nausica Della Valle si trova al centro di una bufera mediatica, soprattutto sui social, a causa di un’iniziativa promossa dai “Cristiani per Servire”.

Potrebbe interessarti:

Sul manifesto, affisso sui muri di Biella, c’è il volto della giornalista di Quarto Grado che dichiara: “Perchè non sono più lesbica”.

Fortunatamente l’incontro, programmato per sabato 2 marzo all’Auditorium di Città Studi alle 20.30, è stato annullato.

Il presidente dello stabile Pier Ettore Pellerey ha revocato l’affitto e, dunque, ha boicottato lo svolgersi dell’incontro. Insorgono le associazioni LGBT perchè non solo tale conferenza viola i principi educativi che dovrebbero essere diffusi.

L’omosessualità non è una malattia da cui guarire– hanno dichiarato-Riteniamo che simili idee contribuiscano allo stigma e al pregiudizio nei confronti delle persone LGBT+ (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali) e che, oltretutto, si posizionino in contrasto con tutta la letteratura scientifica.

Dall’omosessualità non si può guarire perché non è una malattia. È una variante naturale del comportamento umano’’. 

La Della Valle aveva intenzione di cominciare una vera e proria tourneè in giro per l’Italia, raccontando in che modo il Signore l’avesse fatta diventare eterosessuale. Lei si è rivolta a lui attraverso la preghiera, convinta che potesse aiutarla dopo 40 anni di relazioni con donne. 

Addirittura sostiene che Dio le abbia risposto, dicendole: “Io sono maschio e femmina e ho creato l’uomo e la donna, e quindi tutto ciò che al di fuori delle mia creazione è un inganno del principe della menzogna, Satana”. 

“Religione, oppio dei popoli”. 

 

Letture Consigliate
Articolo precedenteLavoro, dopo l’entrata in vigore del Decreto Dignità dati incoraggianti
Prossimo articoloBeyoncé e Jay-Z celebrano la bellezza di Meghan Markle
Avatar
Classe 1987, ho frequentato l’Università degli Studi di Salerno, conseguendo la Laurea di Primo Livello in Sociologia. Ho ottenuto una certificazione di frequenza per il corso di addetto/responsabile Ufficio Stampa e ho partecipato a diversi concorsi letterari, tra cui quello dell'estate 2015 del Circolo degli Artisti Salernitani, che mi è valso un Primo Premio. Lo scorso anno ho pubblicato il mio primo romanzo edito da Writers Editor, intitolato "Amore di papà". Sono un'attivista femminista e sostenitrice dei diritti LGBTIQ e gestisco una pagina Facebook sui diritti delle donne, "Doppia Vu Women Rights". Inoltre, ho il ruolo di segretaria provinciale presso la sezione NIDIL CGIL di Salerno.