Noemi, svolta nelle indagini: catturato l’uomo che ha sparato alla bimba a Napoli

noemi
foto dal sito Pixabay

Noemi, la polizia ha arrestato l’uomo che ha ferito la piccola. Fermato anche chi ha dato protezione al killer di piazza Nazionale

Svolta nelle indagini che riguardano Noemi, la bambina di soli 4 anni colpita per errore nel bel mezzo di una sparatoria avvenuta venerdì scorso, 3 maggio, nel centro di Napoli,in piazza Nazionale.

La polizia ha arrestato l’uomo che ha sparato alla piccola innocente, ferendola gravemente. A.d.R, è colui ha premuto il grilletto tra la folla per tendere un agguato a Salvatore Nurcaro. Le forze dell’ordine hanno catturato anche chi lo avrebbe aiutato a fuggire coprendo la sua latitanza in questi giorni. Al momento sarebbero due le persone individuate. I dettagli saranno resi noti dal procuratore Giovanni Melillo in una conferenza stampa.

La Procura di Napoli, i carabinieri e la polizia hanno identificato l’autore dell’agguato in piazza Nazionale, grazie ai filmati della sorveglianza. Alle prime luci del giorno di oggi, infatti, si è arrivati all’arresto. Nicola Morra, presidente della commissione Antimafia, si è detto “sollevato dall’arresto dell’uomo che ha sparato, ferendo gravemente Noemi.”

Intanto continuano ad arrivare messaggi di solidarietà all’ospedale Santobono, dove la bambina è ricoverata. Ieri sera centinaia di persone, proprio davanti all’ospedale, hanno sfilato con fiaccole e candele per dimostrare la vicinanza alla piccola e alla famiglia. Noemi resta ricoverata in terapia intensiva ma è migliorata la sua funzione respiratoria, tanto che i medici hanno potuto ridurre “l’apporto di ossigeno mediante ventilazione”. Le fiaccole di ieri sera sembrano aver acceso una speranza di salvezza, in tutti i sensi, nel cuore dei familiari della piccola.