apple, kia
screen dal sito ufficiale apple.com

La novità targata “Apple” giungerà nel 2024 e farà irruzione nel mondo dei motori. La notizia fa schizzare i titoli Apple al 4%

Alla notizia del possibile lancio di una auto elettrica completamente autonoma nel 2024, i titoli Apple in borsa sono schizzati al 4% chiudendo in rialzo al 2,8%. A temere la multinazionale statunitense è soprattutto il mondo dei motori, i cui titoli quest’oggi hanno visto delle perdite. Tra questi Ford, General Motor e soprattutto Tesla.

Elon Musk, l’imprenditore visionario di Tesla ha rivelato di aver cercato di vendere il suo marchio per 60 milioni di euro, cioè a circa un decimo del valore complessivo, quando il colosso statunitense iniziò a fronteggiare le prime difficoltà con la Model3. Ma a quanto pare la proposta non fu nemmeno presa in considerazione dall’amministratore delegato di Cupertino, che rifiutò l’incontro.

Già nel 2015 Apple aveva lanciato il progetto dell’auto elettrica autonoma, ma poi aveva ritirato il piano con l’intenzione di volersi concentrare solo sull’aspetto tecnologico, cioè sullo sviluppo dell’intelligenza artificiale in grado di guidare il veicolo autonomamente.

La nuova “Apple Car” invece si avvarrà della collaborazione di partner esterni all’azienda per la creazione di alcune componenti, ma si concentrerà prevalentemente sull’invenzione di una batteria elettrica a bassissimi consumi in grado prolungare l’autonomia del veicolo.

La vera novità sarà lo sviluppo dell’intelligenza artificiale, il cui progetto sarà guidato da John Giannandrea, ex collaboratore di Google nel settore della ricerca e dell’intelligenza artificiale. Il progetto di un auto completamente autonoma era stato avvicinato fino ad oggi solo da alcuni tentativi della casa Tesla. Speriamo che il futuro, nonostante le difficoltà e i ritardi determinati dall’emergenza sanitaria pandemica possa promettere bene in ambito di impatto ambientale ed economie eco-sostenibili.

Articolo precedenteOroscopo di Paolo Fox di oggi: Lunedì 28 Dicembre 2020
Prossimo articoloGianni Sperti, il commiato su Instagram: “Ciao papà”
Gaudieri Brunella
Ho studiato il tedesco, l´inglese e ho qualche infarinatura di svedese ed arabo. Dopo la laurea triennale in Traduzione e Interpretariato a Napoli mi sono trasferita a Gorizia, poi Trieste, Udine, Klagenfurt am Wörthersee e Vienna. In questi posti ho fatto bellissime esperienze di lavoro, tra cui la traduttrice presso l´ORF. Ho conseguito la laurea specialistica a doppio diploma italo-austriaco in Lingue e letterature straniere ed euroamericane ed ho vissuto tanto tempo lontana dalla mia "comfort zone". Ho incontrato tantissime persone e mi sono avvicinata incuriosita alle loro culture. Mi piace la lettura, il mondo dell´informazione, l´arte e parlo molto bene il tedesco. Sono attenta alle problematiche sociali e sensibile alla tutela degli animali randagi.