Il Dottor. Paolo Ascierto in audizione alla Commissione Affari Sociali

Paolo Ascierto
Print da video youtube

Dottor Paolo Ascierto in audizione alla Commissione Affari Sociali della Camera. Risultati di 330 pazienti sottoposti a terapia sperimentale

Il 10 giugno la Commissione Affari Sociali ha svolto in videoconferenza le audizioni, con i principali referenti delle terapie sperimentali compresa quelle con il plasma, sulla cura nel trattamento dei pazienti affetti da Covid-19. Tra i nomi spunta anche quello del dottore, oncologo e ricercatore Paolo Ascierto, che sui pazienti affetti da distress operatorio conseguente al contagio da Covid-19 ha effettuato la terapia con il già noto farmaco della Roche, il Tocilizumab, nel trattamento dell’artrite reumatoide.

Paolo Ascierto ha spiegato come su 330 pazienti affetti da Covid-19 e sottoposti a terapia sperimentale – sebbene gli effetti del farmaco sui casi di artrite reumatoide fossero già noti – il Tocilizumab abbia dato risultati soddisfacenti al punto da ridurre il tasso di letalità dal 35% al 25%.

Il farmaco è stato utilizzato ad un dosaggio anche superiore nei pazienti in terapia intensiva, con risultati positivi, ma la Task Force dei medici dell’Ospedale “Cotugno di Napoli ha deciso di non sottoporre i pazienti in terapia intensiva ad uno studio clinico con un braccio di controllo con il placebo.

Il Dottor Ascierto riferisce anche degli effetti del farmaco su un paziente di 27 anni, in cui era assente la compresenza di patologie diverse e ne conferma i miglioramenti importanti.

Quanto alla tossicità del farmaco, spiega il Dottor Paolo Ascierto, non ci sarebbe nessuna evidenza negativa ulteriore rispetto a quelle nell’uso contro l’artrite reumatoide.

Ora al “Cotugno” di Napoli si attendono i risultati di due studi della fase III della sperimentazione.

Articolo precedenteVodafone Happy Friday, scopriamo insieme i regali del 12 giugno
Prossimo articoloAmazon Elettronica, occasioni da non perdere fino al 19 giugno 2020
Avatar
Ho studiato il tedesco, l´inglese e ho qualche infarinatura di svedese ed arabo. Dopo la laurea triennale in Traduzione e Interpretariato a Napoli mi sono trasferita a Gorizia, poi Trieste, Udine, Klagenfurt am Wörthersee e Vienna. In questi posti ho fatto bellissime esperienze di lavoro, tra cui la traduttrice presso l´ORF. Ho conseguito la laurea specialistica a doppio diploma italo-austriaco in Lingue e letterature straniere ed euroamericane ed ho vissuto tanto tempo lontana dalla mia "comfort zone". Ho incontrato tantissime persone e mi sono avvicinata incuriosita alle loro culture. Mi piace la lettura, il mondo dell´informazione, l´arte e parlo molto bene il tedesco. Sono attenta alle problematiche sociali e sensibile alla tutela degli animali randagi.