Papa Francesco stupisce ancora e corregge il “Padre Nostro”



Paolo VI

Secondo Papa Francesco la traduzione italiana della preghiera sarebbe sbagliata: “Non è Dio a indurci in tentazione ma Satana”

Non è una buona traduzione quella che parla di un Dio che induce in tentazione” è quanto dichiarato da Papa Francesco in un’intervista rilasciata a Tv2000.

Ha continuato, spiegando che “quello che ti induce in tentazione è Satana“. Il Pontefice ha anche ricordato che già i francesi avevano provveduto a cambiare il testo in ‘non mi lasci cadere in tentazione’. Perché “sono io a cadere, non è Lui che mi butta nella tentazione per poi vedere come sono caduto“.

Secondo il Vangelo di Luca (11,1), il Padre nostro fu insegnato da Gesù ai suoi discepoli che gli chiedevano come dovessero pregare. E’ la preghiera più diffusa tra tutte quelle di traduzione cristiana. Dopo duemila anni, però, la sua versione – almeno quella italiana- è ancora molto dibattuta.

Leggi anche