Rassegna musicale, Polignano centro di cultura e bellezza



Rassegna musicale, Polignano centro di cultura e bellezza

Si è tenuta a Polignano a Mare la prima edizione della “Rassegna musicale nazionale” che ha visto la partecipazione di oltre 500 ragazzi

Giovedì 5 Maggio ha avuto inizio a Polignano a Mare il primo appuntamento della  “Rassegna Nazionale Musicale “ concorso riservato agli alunni delle scuole ad indirizzo musicale e Licei musicali.

Ideatore della Rassegna è stato il maestro Antonio Pascali, professore di musica d’ insieme presso l’ istituto Luigi Russo di Monopoli nonché fondatore e direttore artistico del concerto bandistico con majorettes  di Polignano a Mare, di cui chi vi scrive fa parte.

13103347_1720163148242672_566353839461460925_n“A conclusione di questa meravigliosa esperienza” afferma Pascali “posso dire con orgoglio che siamo riusciti a scrivere un’  altra pagina importante della storia della nostra associazione. L’affluenza di genitori e alunni provenienti da diverse città della provincia e da fuori regione è stata massiccia. Voglio evidenziare però che gli unici posti vuoti rimasti erano quelli destinati alle nostre autorità locali: fatta eccezione per il Dott. Lomelo  tutti hanno come al solito declinato il nostro invito. Noi intanto andremo avanti con le nostre idee portando sempre alla ribalta la musica e la cultura a Polignano a Mare. Anche stavolta siamo riusciti a dare lustro alla nostra cittadina. Peccato per gli assenti. “

Sono stati più di cinquecento i giovani musicisti che dal 5 al 7 Maggio si sono esibiti presso l’auditorium della scuola media  Sarnelli – De Donato e il museo Pino Pascali di  Polignano a Mare, i ragazzi hanno rappresentato gli istituti comprensivi : Sarnelli- De Donato- Rodari ( Polignano a Mare), De Amicis- Dizonno ( Triggiano), G. Galilei ( Pezze di Greco), Garibaldi-Pascoli ( Bari), Rita Levi Montalcini( Bitritto), F.G. Pignatelli  (Grottaglie), Modugno-Galilei (Monopoli) Malvin Jones(Monopoli) Gemito(Anacapri) , i Licei Musicali : Luigi Russo(Monopoli), Don Milani (Acquaviva delle Fonti),Cirillo( Bari), S. Durano (Brindisi), Severi (Castellamare di Stabia),Liceo musicale               Gravina e dalla scuola Media Monterisi (Bisceglie).

13173636_1720164164909237_6886531074406828443_n“La mia passione per la musica è nata grazie ai miei genitori, trovare un posto nel mondo della musica oggigiorno è molto difficile ma non bisogna arrendersi, noi ragazzi dobbiamo continuare a lottare per raggiungere i nostri sogni ed eventi come la Rassegna possono aiutarci. Da grande mi piacerebbe suonare ai matrimoni o diventare direttore d’ orchestra” dice Federica, 15 anni del Liceo Severi di Castellamare.

“Io vorrei diventare un chitarrista solista e ai ragazzi della mia età , con la mia stessa passione, dico di continuare perché il mondo della musica è vasto ed è importante poter contare su un proprio talento musicale” Giuseppe, 14 anni dell’ istituto Gemito di Anacapri.

Tutti i giovani musicisti sono stati ascoltati e giudicati da una commissione di espertissimi maestri : Pasquale Spinelli, Leonardo Lozupone, Giovanni Pellegrini, Antonio dell’ Olio, Raffaele Pagliaruli, Ilenia Carbonara, Antonio Brunetti, Gianni Romanazzi,  Marco Pasculli, Antonio Trafficante, Gionni Di Girolamo, Pasquale Giuliani,Aldo Pascali, Paolo Messa e Vito Pascali. Questi ultimi hanno dovuto emettere una valutazione per ciascuna esibizione e nel pomeriggio del 7 Maggio si è tenuta la premiazione dei vincitori. La serata è stata presentata magistralmente da Roberto Perricone e si è aperta con una dichiarazione del Maestro Antonio Pascali “ La Rassegna Musicale di quest’ anno è stata una sfida, a me piacciono le sfide ma è la mia passione per la musica che mi da il coraggio e la forza di affrontarle, abbiamo portato qualcosa di nuovo e bello a Polignano e vedere l’ auditorium così pieno di ragazzi, di giovani appassionati mi riempie il cuore di gioia. Motivo per cui stiamo pensando di organizzare un’ altra Rassegna questa volta di bande musicali”  ha poi preso la parola il Maestro Pasquale Spinelli “ In questi giorni  il minimo comune denominatore di tutti noi è stata la musica. La musica nobilita l’ animo e questa sera sono sicuro che tutti noi torneremo a casa con un animo diverso, più sereno”

rassegnaSi è passati poi alla premiazioni: Il primo posto assoluto è stato dato in Ex Aequo alla scuola media Monterisi di Bisceglie  e al Liceo Musicale Gravina , i primi hanno eseguito un brano tratto dalla colonna sonora “Pirati dei Caraibi” e gli altri dei brani tratti dalle colonne sonore del Maestro Ennio Morricone.

Il primo posto è andato poi: all’ istituto comprensivo Gemito di Anacapri,all’ istituto Malvin Jones di Monopoli e al Liceo Severi di Castellamare di Stabia. Al secondo posto è stata premiata la scuola Sarnelli-De Donato di Polignano a Mare  e inoltre il premio per il miglior arrangiamento è andato al professor Ugo Ercolano di Anacapri e al professor Alfredo Intagliato di Castellamare di Stabia.

13178644_10207977919264029_1523440009849765221_nE’ stato emozionante vedere i ragazzi di ogni età esibirsi nei giorni della rassegna, il loro spirito di abnegazione, i loro occhi lucidi prima di ogni esibizione, i sorrisi soddisfatti alla fine, quando sapevano che tutto era andato per il meglio, la loro voglia di affrontare il futuro e combattere per ricavarsi un posto nel mondo seguendo la musica che è la passione che li muove, i cori, gli applausi, le urla di gioia durante la premiazione, tutte queste cose ci hanno riportato indietro nel tempo. Davide Giuliani membro del concerto bandistico con majorettes racconta “ Ero dietro le quinte e stavo per portare sul palco il tappeto su cui poggiare la batteria, ad un certo punto ho sentito i ragazzi iniziare ad accordare, era evidente che non sarei più potuto uscire ma sono rimasto lì ad osservarli, ho rivisto me stesso e i miei amici alla loro età e mi sono ricordato di tutte le emozioni che provavamo all’ inizio di ogni concerto, sono andato via altrimenti rischiavo di piangere per  l’emozione”

photoppEventi come questa prima edizione della Rassegna musicale nazionale vanno sostenuti , perché in un mondo come quello di oggi dove tutto va veloce e non si riesce più ad apprezzare la bellezza delle cose più semplici è raro trovare persone come il Maestro Pascali, i ragazzi del concerto bandistico di Polignano e tutti gli altri che hanno reso possibile questo evento, in grado di comunicare attraverso un linguaggio universale che accomuna tutti i popoli del mondo ed è sempre messaggero di amore e speranza, un linguaggio fatto di “segni” neri sistemati tra quattro spazi e cinque righe che se letto correttamente diventa pura poesia, diventa magia: la musica. E come diceva Victor Hugo “Ciò che non si può dire e ciò che non si può tacere la musica lo esprime”.

Leggi anche