Rocky vince 3 Oscar, accadde oggi

AttualitàRocky vince 3 Oscar, accadde oggi

Era il 28 marzo del 1977 quando il semisconosciuto regista John Gilbert Avildsen vinse 3 statuette per il primo capitolo della saga del pugile italoamericano Rocky Balboa, interpretato dall’allora altrettanto sconosciuto Sylvester Stallone. A quasi quarant’anni da quella incredibile vittoria, ripercorriamo la storia di un film amato da almeno tre generazioni di appassionati e giunto quest’anno al suo settimo capitolo

[ads1]

Quando, nel marzo del 1977, John Gilbert Avildsen e Sylvester Stallone vinsero tre Premi Oscar a fronte delle nove nomination per i quali il loro film “Rocky” era stato nominato, alcuni si indignarono, per quanto il primo capitolo della saga del pugile italoamericano sarebbe poi divenuto uno dei film più popolari degli anni ’80 nonché una delle pellicole ad essere selezionate per l’inserimento nella biblioteca del Congresso degli Stati Uniti come film “culturalmente significativo”.

Rocky
Avildsen e Stallone sul set di Rocky

Le voci fuori dal coro erano quelle di chi considerava Avildsen e Stallone rispettivamente come un regista ed un attore falliti, buoni al massimo per dirigere ed interpretare film erotici e/o pornografici, mai e poi mai meritevoli della massima onorificenza cinematografica hollywoodiana.

In effetti, tanto Avildsen quanto Stallone avevano nel cinema un passato piuttosto mediocre, con pochi e limitati ruoli nel cinema a luci rosse, con il primo che era conosciuto per i due film erotici “Il Pornocchio” e “Ore 10, lezioni di sesso” e il secondo famoso giusto per il porno-soft “The Italian Stallion” e per “Una squillo per l’ispettore Klute“.

Invece, Rocky fu un successo straordinario, e ben presto anche le voci discordi dovettero rassegnarsi al successo del film, che divenne poi uno dei franchise miliardari di Hollywood ed ha appassionato tre generazioni di fans, arrivando a trasformare Stallone in uno dei più famosi attori degli ultimi quarant’anni e avviando Avildsen verso una dignitosa carriera, culminata con un’altra saga importante, quella di Karate Kid.

Quella di Rocky è una storia triste, la storia di un ragazzo di origini italoamericane che ama la boxe ma che non è mai riuscito a sfondare.

Il suo allenatore Mickey Goldmill, tutti i giorni gli ricorda che è poco più che “una scamorza” e Rocky, per vivere, si è ridotto a fare l’esattore per un boss della mala di Philadelphia.

Un giorno, però, Rocky ha l’occasione di una vita: sfidare il campione del mondo dei pesi massimi Apollo Creed, uno che decide di sfidare un pugile sconosciuto per celebrare il bicentenario degli Stati Uniti d’America, il 4 luglio 1976, dopo che il suo diretto rivale si è infortunato in maniera inattesa.

Apollo trova il nome di Rocky su un almanacco e decide di sfidarlo mettendo in palio la sua cintura, nella fallace convinzione di poterlo battere facilmente, accrescendo così la sua già immensa fama.

Ma a Creed mal gliene incorre perché Rocky, allenatosi duramente sotto la guida di Mickey e sostenuto dall’amico Paulie, che poi diventerà suo genero, resiste contro Apollo per ben 14 riprese su 15, cadendo al tappeto solo alla penultima ripresa, eppure rialzandosi inaspettatamente.

Rocky
Rocky e Adriana Pennino

Creed vince ai punti e resta campione, ma per Rocky è l’inizio di una amicizia importante con Apollo. Questi ne diventerà presto l’allenatore e condurrà Rocky alla realizzazione sportiva e professionale aiutandolo a prendersi quella cintura perduta solo in extremis, e a sostituire Apollo come pugile più amato dagli americani.

Rocky è dunque un film che di sportivo ha soltanto il contorno, perché quella del pugile fallito è probabilmente una delle vite più difficili del mondo sportivo: spesso costretti a prendere pugni per minuti e minuti, vedendosi massacrati i volti per poco più di trenta dollari ad incontro, i boxeur che non sfondano sono l’esempio massimo della sventura di un essere umano.

Un film, dunque, quello di Rocky Balboa, che va visto e rivisto, soprattutto con la consapevolezza che gli stessi Avildsen e Stallone erano anch’essi terribilmente squattrinati ai tempi delle riprese di Rocky.

Essi vinsero grazie alla sceneggiatura, scritta da Stallone stesso, dalla voglia di farcela e dall’amicizia che legò i due, e che spinse Avildsen a credere in quel ragazzone italiano che voleva a tutti i costi vestire le vesti del pugile, entrando nel cinema dalla porta principale, dopo che era stato già scartato per il ruolo di Michael Corleone nel Padrino parte prima.

Tutto ciò consentì alla coppia di battere kolossal come Quarto Potere, Tutti gli uomini del Presidente e Taxi Driver, tutti superati alla premiazione del 1977 da quel Rocky, che resiste ancora oggi tra i 100 migliori film del cinema a stelle e strisce. [ads2]

Redazione ZONhttps://zon.it
I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

Covid-19

Italia
82,962
Totale di casi attivi
Updated on 31 July 2021 - 04:04 04:04