Cava 2016, trionfano Salernitana e Goteborg

Uncategorized Cava 2016, trionfano Salernitana e Goteborg

Dopo una settimana di gare a ritmo serrato, tra il 5 e il 12 giugno 2016, a Cava de’ Tirreni in provincia di Salerno, si conclude quella che ormai si è confermata come la kermesse più importante del calcio giovanile

Instancabile il lavoro del Presidente Giovanni Bisogno, con la partecipazione alla competizione di ben sette categorie con cinquanta gare giornaliere per i primi tre giorni. I campi coinvolti sono stati ben undici nel territorio Salernitano che comprende le città di Vietri, Cava dei Tirreni e Nocera Inferiore e Superiore.

- Advertisement -

salernitana
I vincitori del Goteborg Allievi a Cava 2016.

Il Gòteborg trionfa negli Allievi battendo solo ai rigori la Salernitana di mister Ciro Ginestra e si aggiudica il prestigioso Trofeo D’Amico. I granata però trionfano nella categoria Giovanissimi, con il tecnico Boccaccio Massimiliano. Un secco due a zero alla rappresentativa campana e la Salernitana conquista il Trofeo Gino Avella.

- Advertisement -

salernitana
La Salernitana ha trionfato nei giovanissimi a Cava 2016.

Risultato di prestigio per il  Sant’Aniello di Gragnano –Na-  che con i Mini-Giovanissimi strapazzano in finale per cinque a zero un’Atletico Nocera –Sa- imbottito di prestiti importanti dal settore professionistico. Il mitico mister Antonio Gallo, sotto la guida del quale sono passati ragazzi come Morrone ora alla Juve; Vladi e Busanca ora al Milan; Alessio Donnarumma ora all’Inter e Orlando e Visconti ora alla Sampdoria, ci ha confermato, euforico per questa prestigiosa vittoria,  che da questo gruppo tanti ragazzi  sono stati prelevati da clubs professionistici:  tre andranno alla Sampdoria; due al Frosinone; uno alla Lazio ed uno alla Reggiana.

salernitana
Mister Gallo del Sant’Aniello.

- Advertisement -

Evidentemente i tanti tornei internazionali disputati, da Pescara a quello di Gallipoli (Caroli Hotels) e a quello di Cava dei Tirreni, hanno conferito al gruppo del Sant’Aniello un’eccellente visibilità. Nelle altre categorie gloria per l’Internapoli che nella categoria Esordienti ha conquistato la prima posizione che assegna il trofeo P. Lodato.  Mentre il primo posto per la categoria Pulcini, che assegna il Trofeo M. Luciano è stato conquistato dall’ U.S.D. San Nicola. Non poteva mancare mister  Stefano Cirillo con la sua S.C. Azzurri.  Nella categoria Primi calci ha conquistato il trofeo Catello Mari, così intitolato per ricordare il giovane calciatore Stabiese, ormai nei cuori di tutti i tifosi della Cavese. Il trofeo Power Tech per concludere, che si assegna nell’ultima categoria quella dei piccoli Amici è andato alla scuola calcio dei Red Lions.

salernitana
Premiazione del  cannoniere del Sant’Aniello.

Tra i tanti premi consegnati quello più importante è andato al calciatore della Salernitana Giovanni Bisogno. A lui che ha lo stesso nome e cognome del presidente che organizza la manifestazione internazionale calcistica ma non è legato da vincoli di parentela, è stato assegnato il premio “Comunicazione” che viene assegnato a chi ha compiuto il miglior gesto di “fair-play”.

salenitana
Il giornalista Di Giovanni ideatore del “Premio comunicazione”.

Ideato dal noto giornalista Vietrese, Antonio Di Giovanni, è stato consegnato al ragazzo che nella semifinale Salernitana – Cavese ha dato una lezione di stile ed umanità. Infatti Giovanni Bisogno giocando nella Salernitana, prima di festeggiare l’approdo in finale dopo la vittoria sulla Cavese, va a rincuorare un calciatore avversario in lacrime per la mancata vittoria della sua squadra. Tra festeggiamenti e fuochi pirotecnici si chiude così, presso il Comunale Simonetta Lamberti, il torneo internazionale di calcio giovanile città di Cava dei Tirreni  in provincia di Salerno, giunto alla sua XXVII edizione.

- Advertisement -
Avatar
Pasquale D'Aniellohttps://zon.it
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...

Covid-19

Italia
203,182
Totale di casi attivi
Updated on 25 October 2020 - 05:42 05:42