Davide Shorty, Sanremo Giovani

Sanremo Giovani: a poche ore dall’annuncio del vincitore di questa 71° edizione del Festival, ecco chi è Davide Shorty e dopo lo abbiamo già visto

Davide Shorty è uno dei quattro finalisti di Sanremo Giovani 2021 e si contenderà la vittoria con Wrongonyou, Folcast e Gaudiano. A poche ore dall’annuncio finale ecco un focus su di lui: chi è e dove lo abbiamo già visto? All’anagrafe Davide Sciortino, classe 1989, nasce sotto il segno del cancro a Palermo e si avvicina alla musica giovanissimo; inizia ad essere attivo come musicista e frontman fino ad approdare nel 2010 a Londra, dove si stabilisce e mette su una band Retrospective For Love.

Potrebbe interessarti:

Ma la vera scolta per la sua carriera sul mercato musicale italiano arriva solo nel 2015, quando partecipa da solista ad X Factor classificandosi terzo, dopo Giosada e gli Urban Strangers. In quell’occasione pubblicò il suo primo EP per Sony Music con 6 tracce e intitolato Davide Shorty. Il suo primo album, dal titolo Straniero, arriva solo nel 2017 grazie all’etichetta Macro Beats, a cui segue, nel 2019 l’album Terapia di gruppo assieme ai Funk Shui Project, che lo ha portato ad esibirsi in Italia e nel mondo, proseguendo la sua idea di contaminazione e musica. Da allora di strada ne ha fatta tanta: cantautore e polistrumentista dall’animo soul, arriva sul palco dell’Ariston con un pezzo che rispecchia perfettamente il suo stile dal titolo Regina.

A poche ore dal debutto, avvenuto durante la seconda serata della 71° Edizione del Festival di Sanremo, Davide Shorty si è aggiudicato già ben due prestigiosi premi: il Premio Enzo Iannacci e il Premio Lunezia. Regina ha un arrangiamento in cui l’artista ha fuso insieme diversi sound, dal rap al soul, dal funk alla tradizione cantautorale italiana e racconta attraverso lo sguardo dell’autore la storia di una giovane donna, dei suoi amori e del suo farsi strada tra ostacoli e difficoltà. Insomma, un brano che meriterebbe la vittoria sia da un punto di vista narrativo che musicale.

Dal canto suo Shorty si dice tranquillo e rilassato per questa nuova avventura: sa di aver dato il massimo e come, lui stesso ha affermato, nonostante stasera sarà un “bagno di sangue”, in questo Festival di Sanremo lui era in gara principalmente con se stesso ed è certo di aver già vinto in questo.

Testo

Camminami di fronte
Così mi fai seguire le tue forme con lo sguardo
Guarda, c’è una casa all’orizzonte
E noi ci urliamo in faccia alla stazione singhiozzando
Entrambi con un ego enorme che ci mette in imbarazzo
Per sentirsi più al sicuro dal primo piano di un palazzo
Ed io ti amo, te lo giuro, infatti a volte sono pazzo
Se la testa ti va in fumo quando ti manca lo spazio

Questa pioggia è così fina che quasi non la senti
La strada è una piscina e quando meno te lo aspetti tu
Diventi una bambina con due genitori assenti
Ma cresciuta una regina con il sole tra i capelli
Aria, tu diventi aria (Oh oh)

Cos’è sto sguardo? Mi sembra quasi un rimprovero
Sono sempre il solito, a volte neanch’io mi tollero
Navigo la mente per frasi con senso logico
Panico come un coltello stretto dal manico
Trami e poi mi ami, mi chiedi se mai io sparirò
Mani nelle mani e come Dani adesso salirò
Sei nei miei piani e sai che ogni promessa è un debito
Anima latina, regina con regno a seguito
E inoltre una corona, hai pur bisogno di un palazzo
E a volte se ti senti sola e la tua vita è un po’ uno strazio
Se la cosa ti consola, io ti sono sempre accanto
Dentro questa vita nuova che ha l’odore di un abbraccio

Questa pioggia è così fina che quasi non la senti
La strada è una piscina e quando meno te lo aspetti tu
Diventi una bambina con due genitori assenti
Ma cresciuta una regina con il sole tra i capelli
Aria, tu diventi aria
Aria, aria, oh oh

Questa pioggia è così fina che quasi non la senti
La strada è una piscina e quando meno te lo aspetti tu
Diventi una bambina con due genitori assenti
Ma ritorni una regina con il sole tra i capelli
Aria, tu diventi aria (Oh oh)“

Letture Consigliate