Sondaggio Euromedia: PD in calo, bene Lega e M5S



elezioni

Dal sondaggio Euromedia si evince come il PD continui a perdere consensi, favorendo una diminuzione del distacco dal M5S, che guadagna uno 0,3%

Il recente sondaggio Euromedia pubblicato ieri 16 giugno nel corso della trasmissione Ballarò, rivela uno scenario politico-elettorale un po’ preoccupante per quella che, ad ogni modo, resta di gran lunga la prima forza politica del Paese.

Sondaggio Euromedia: PD in calo, bene Lega e M5S
Sondaggio Euromedia: PD in calo, bene Lega e M5S

Il Partito Democratico è in forte calo. Rispetto alla rilevazione precedente dell’istituto Euromedia, perde uno 0,5% in tal modo scendendo al 34%. Si tratta di un minimo storico da quando è sotto la guida di Renzi.

Da questo punto di vista, a trarne sicuramente vantaggio è il Movimento 5 Stelle, che vede sempre più vicino il sogno di attenuare in modo significativo le differenze -ancora enormi- con il primo partito italiano.

Il movimento di Grillo e Casaleggio osserva felice un aumento delle preferenze da parte degli elettori italiani intenzionati a votare, ed in questo modo guadagna uno 0,3% portandosi al 21,5%. Si tratta di un risultato importante, che consente di avanzare ulteriormente diminuendo il divario con il primo partito del centro-sinistra. Ma avanza anche la Lega Nord: il partito guidato da Salvini guadagna anch’esso uno 0,3, così giungendo al 14,9%.

A differenza degli altri istituti, le due principali forze di opposizione in queste rilevazioni sono valutate con percentuali leggermente inferiori. Ad ogni modo, anche questo sondaggio non ha potuto fare a meno di evidenziare un momento felice sia per i leghisti che per i pentastellati.

Si conferma invece quarta forza politica il partito di Silvio Berlusconi. Forza Italia, in questa settimana rimane stabile al 13,2%.

Con l’Italicum, se si votasse domani, al ballottaggio per guidare un possibile governo andrebbero PD e M5S. Tuttavia, per il futuro non è detto che le forze di centro-destra non si organizzino in una lista unica, una federazione che vedrebbe i partiti di Salvini e Berlusconi (assieme a Fratelli d’Italia e forse anche l’accoppiata NCD-UdC) uniti in un’unica entità. Fantapolitica? Vedremo.

Leggi anche