Cina, da Pechino arrivano brutte notizie per i dazi. Trump avverte Xi Jinping

Trump, dazi
Immagine da Pixabay

Donald Trump ha chiesto un accordo per i dazi con la Cina, divenuti troppo cari per il Presidente degli Stati Uniti. Poi si rivolge ai consumatori americani

Le questioni internazionali per quanto riguarda i dazi tra Stati Uniti e Cina barcollano sempre di più: Trump punta il dito contro il Paese di Xi Jinping. La notizia arriva dopo che Pechino ha alzato al 25% i dazi su 60 miliardi di dollari di importazione americana – come riporta “Il Messaggero”.

La Cina ha così deciso di “combattere” contro la politica adottata dal Presidente americano, ed in particolare all’innalzamento dei dazi dal 10% al 25% su 200 miliardi di dollari di importazione cinese. 

Trump aveva avvertito, tramite un tweet, che la Cina potrebbe essere colpita in maniera severa, rivolgendosi direttamente a Xi Jinping:

Io dico in modo aperto al presidente cinese e a tutti i miei molti amici in Cina che il suo Paese sarà colpito in modo molto duro se non farete un accordo, perché le società saranno costrette a lasciare la Cina per altri Paesi“. “Avevate un grande accordo, quasi completato, ed avete fatto marcia indietro“.

Sempre secondo il Presidente, poi, questo aumento renderebbe più caro comprare in Cina.

Il Presidente, infine, lancia un messaggio diretto ai consumatori, affermando che sarebbe inutile pagare i dazi se si acquista prodotti di manifattura americana oppure se si acquista da Paesi che non hanno tariffe. A discapito della Cina, poi, molte aziende – continua il Presidente – potrebbero preferire altri paesi asiatici.