Venezia ospiterà collezioni fiamminghe da Rubens a Tiziano



venezia

Dal 5 settembre al 1° marzo 2020 Venezia ospiterà una mostra con opere inedite non solo di Maestri veneziani, ma anche di quelli fiamminghi: “Da Tiziano a Rubens. Capolavori da Anversa ed altre collezioni fiamminghe”

Venezia impreziosirà il Palazzo Ducale e gli appartamenti del Doge con una mostra di opere di rare collezioni, intitolata “Da Tiziano a Rubens. Capolavori da Anversa ed altre collezioni fiamminghe”. 

Dal 5 settembre al 1° marzo sarà possibile ammirare dipinti che raramente vengono dati in prestito. Si tratta di opere di Maestri veneziani come Tintoretto o Tiziano, che si fondono con quelli fiamminghi.

Un’altra chicca è che sarà esposta un’opera che raramente è stata vista dal pubblico: quella di Jacopo Pesaro, definita dalla stampa “il Tintoretto di David Bowie”. Sarà esposta presto la ex chiesa di San Geminiano.

Anche ke opere di Michelina Wautier, una pittrice di grande talento, vedranno la luce della laguna. I suoi soggetti preferiti sono nature morte, teste di bambini, mitologia e scene di vita quotidiana.

Questa corrispondenza tra Venezia e le Fiandre è curata da Ben van Beneden, direttore Rubenshuis e comprende anche La lamentazione di Cristo di Anthony van Dyck, dal Royal Museum of Fine Arts di Anversa.

Faranno bella mostra di sè anche Ritratto di giovane donna di Rubens e uno Studio per testa di uomo con barba di Maerten de Vos.

Leggi anche