Vieni da me, errore clamoroso in diretta: ecco cosa è successo

vieni da me
Foto dal profilo social ufficiale del programma

A “Vieni da me”, questo pomeriggio, Caterina Balivo manda in onda il filmato sbagliato e l’ospite, Rosanna Vaudetti, la corregge

A “Vieni da me”, programma in onda tutti i pomeriggi su Rai Uno alle 14.00 e condotto da Caterina Balivo, è stata ospite Rosanna Vaudetti, una delle indimenticabili annunciatrici della Rai.

Nei suoi 37 anni davanti alle telecamere, in cui ogni sera raccontava ai telespettatori i programmi che avrebbero visto in prima serata, la Vaudetti si è anche ritagliata un posto nella storia del servizio pubblico: è stata lei, infatti, a declamare il primo annuncio che sancisce il passaggio dalla televisione in bianco e nero a quella a colori. Un momento degno delle Teche Rai che però gli autori di “Vieni da me” non sono riusciti a recuperare, avendolo confuso con un altro annuncio della signora Vaudetti.

“La strigliata”

“No, non era questo”, ha detto la Vaudetti al rientro in studio. Poi ha spiegato: “Quel giorno il regista mi aveva chiesto di indossare qualcosa di bianco con puntini rossi. Ma io non avevo nulla del genere. Così la costumista mi ha trovato un vestito bianco con i segni zodiacali in rosso”

E poi: “C’erano molti fotografi, io avevo sottovalutato l’importanza del momento. Quelle foto del mio vestito orrendo, hanno fatto il giro“.

La tv è cambiata

Nel corso dell’intervista la signora Vaudetti, sempre elegante e dalla voce rassicurante, ha constatato come la tv negli anni sia cambiata (“Gli sceneggiati oggi si chiamano fiction o serie tv) e con lei anche il nostro modo di comunicare (I social? Ho Facebook ma lo gestisce mio figlio. Non ci capisco molto”).

La cosa che non sembra cambiata è l’amore che dal 1965 lega la Vaudetti al regista televisivo Antonio Moretti. L’ex “Signorina Buonasera” ha raccontato al pubblico di “Vieni da me” che suo marito le ha chiesto di sposarla dopo una lunga passeggiata:

Io Non gli dissi nulla, lo baciai e me ne andai. Il giorno dopo lui mi chiamo’ chiedendomi cosa significasse