Young Signorino, nonostante i milioni di ascolti su Youtube, non porta a casa nessuno show: concerto annullato al Monk, biglietti rimborsati

Dalle stelle alle stalle: Young Signorino, nuovo fenomeno della scena trap, forte di milioni di views su Youtube ai propri controversi videoclip, toppa l’esordio dal vivo al Monk.

Paolo Caputo, vero nome dell’artista che si presenta come “il figlio di Satana”, ha conquistato il web a suon di gorgheggi dell’ormai cult “Mmh ha ha ha”. Ma la popolarità su Internet si è presto scontrata con la realtà di un parterre quasi deserto. Poi l’avviso dal palco: “Il concerto non ci sarà, potete immaginare perché“.

L’epilogo della serata non è stato dei più felici, ovvero quello che ha visto tutti al botteghino per farsi rimborsare i 10 euro del biglietto.

Tante le teorie sul concerto fantasma. Prima: l’artista sarebbe giunto a Roma in condizioni indecenti. Seconda: il rapper avrebbe disertato lo show di proposito, per far parlare di sé. Terza: Yong Signorino si sarebbe assentato perché, nel frattempo, era nel salotto di Chiambretti, in tv. Quarta e ultima: il cantante si sarebbe intimorito perché Gemitaiz gli aveva promesso, su Instagram, una “capocciata”, qualora il romagnolo avesse messo piede sul suolo della capitale.

Il mistero alimenta, ancora una volta, l’inquietante mito del trapper di Cesena.