Your Song: ecco la cover di Mia Martini che non tutti conoscono

Prima Pagina Your Song: ecco la cover di Mia Martini che non tutti conoscono

Oggi compie 50 anni “Your Song” il brano di Elton John ma, non tutti sanno che esiste anche una versione italiana interpretata da Mia Martini

È il 26 ottobre 1970 e, circa un anno prima, un giovanissimo paroliere di nome Bernie Taupin compose, di getto, il testo di una delle canzoni d’amore più belle in assoluto. Questo giovane adolescente inviò le parole ad Elton John e, quest’ultimo, in meno di mezz’ora, riuscì a comporre la musica. Si tratta di “Your Song” una canzone simbolo del cantante inglese che, oggi, compie ben 50 anni. Ma, forse, non tutti sanno che, la grande Mia Martini ha reinterpretato il brano e lo ha intitolato “Picnic“.

- Advertisement -

Your Song” è diventato, nel corso degli anni, un marchio identificativo e, il cantante la utilizza sempre per concludere i suoi concerti dal vivo. Questo brano conta il maggior numero di cover da parte di tanti artisti nel corso dei vari decenni. Molti si sono cimentati nella reinterpretazione di questo brano e, tra le cover più famose ricordiamo quelle reinterpretate da Rod Stewart, Al Jarreau, Ellie Goulding (in occasione del matrimonio del principe William e di Kate Middleton ndr), e Lady Gaga nel 2018 durante uno speciale dedicato a Elton John.

Però, forse, non tutti sanno che esiste anche una versione italiana del brano “Your Song”. La cover è stata interpretata dalla straordinaria Mia Martini che, nel 1973, ha pubblicato il brano dal titolo “Picnic” contenuto nell’album “Il giorno dopo“. Il testo, completamente diverso da quello scritto da Bernie Taupin, è stato firmato da Maurizio Piccoli.

Picnic – Mia Martini

- Advertisement -

L’album in cui è contenuto “Picnic” è il più venduto della cantante calabrese (circa mezzo milione di copie vendute ndr), nel quale il filo conduttore è la speranza nel domani. Il brano trainante dell’intero album è “Minuetto“, una delle canzoni più famose di Mia Martini.

Nel brano “Picnic” la voce di Mia Martini ci avvolge completamente e, in uno spettacolare crescendo, arriva a toccare le corde più nascoste della nostra anima. È raro che una cover renda giustizia al brano originale ma, la cantante calabrese c’è riuscita. Mia ha inserito nel brano tutta la sua fragilità specie quando canta il verso “ll fiume capì, e lento parlò, un po’ di più dei miei passi, le incertezze e dei suoi no“.

In “Picnic” oltre la fragilità, troviamo la paura di Mia Martini nel ritrovarsi da sola come dimostra il verso “lui come una grande cometa non si voltò“. Quindi, affranta e con un “nodo in gola” disperato, Mia cerca di attenuare il desiderio di averlo accanto a sè. “Che dolce la sera, se tu fossi ancora qui“, conclude rassegnata Mia.

- Advertisement -

Testo

Un bisbiglio tra i rami
Di querce invecchiate
Il primo picnic con te
Un po’ isolati
Perdona amore ma
Ma resta qui
Prepara tu intanto
Un volo e son qui
La strada si inoltra
Mi fermerei no
Oramai, tutto intorno sento
Alberi e amici, ma come
Sarà un’illusione
Rivedo chi mi chiamò
Per nome correndo
Non eri tu
E il vento corse sopra i rami
Poi si fermò
Tra queste rive esser soli
Lui se ne andò
La mente vola, un nodo in gola
Gli occhi chiusi perché
Che dolce la sera
Se fosse ancora qui
Il fiume capì, e lento parlò
Un po’ di più
Dei miei passi, le incertezze
Nei suoi no
Io con la mente e col corpo
Non so per quanto lottai
Lui come grande cometa
Non si voltò
Scusa amore se un po’
Tardato io ho
Il primo picnic con te qui
Un po’ isolati
Io vorrei ma dirti che
Che prima di te
Una cometa mai
Non crederai
E il vento corse sopra i rami
Poi si fermò
Fra queste rive esser soli
Lui se ne andò
La mente vola
Un nodo in gola
Gli occhi chiusi perché
Che dolce la sera
Se fossi ancora qui
La mente vola
Un nodo in gola
Gli occhi chiusi perché
Che dolce la sera,
Se fossi ancora qui

 

 

 

- Advertisement -
Lucia Romaniello
Lucia Romaniello
Intuitiva, tenace, sincera, onesta, energica e dinamica. Amo profondamente la musica perché, come direbbe un grande Maestro, ci insegna la cosa più importante: ascoltare. Frequento il Davimus all'Università degli Studi di Salerno e sono una grande sognatrice.

Covid-19

Italia
788,471
Totale di casi attivi
Updated on 1 December 2020 - 03:41 03:41