Air France, chiesti 5 anni per la camicia di un manager

Nella notte la polizia francese ha arrestato 6 dipendenti di Air France che hanno partecipato alla protesta del 5 settembre

project adv

L’immagine che ancora abbiamo impressa nella mente è quella di Xavier Broseta, capo delle risorse umane di Air France che, dopo aver annunciato in una riunione quasi 2900 licenziamenti, viene aggredito da alcuni dipendenti della compagnia fuorisciti dalla manifestazione pacifica organizzata dai restanti colleghi.

Air France, chiesti 5 anni per la camicia di un manager
Air France, chiesti 5 anni per la camicia di un manager

Letteralmente lasciato in mutande, il manager con la camicia rotta e i pantaloni stracciati salta una palizzata e si rifugia dalla rabbia dai manifestanti. Una scena forte, sicuramente da condannare, ma da relazionare anche alla situazione creatasi. Quello progettato da Broseta è il primo piano di licenziamenti per Air France dalla metà degli anni novanta e quello più corposo della sua storia.

Perché nessuno sa cosa frulla nella testa di un uomo, di un padre di famiglia, quando vede il proprio lavoro svanire in fumo, per colpa di chissà quale scelta manageriale errata. E allora l’irrazionale prende il controllo delle azioni arrivando al gesto, sicuramente da non giustificare.

Quello che fa discutere, quello che mi fa rimanere perplesso sono le modalità con le quali sono stati assicurati alla giustizia questi uomini, “Li hanno catturati come se fossero componenti di una famigerata banda criminale o trafficanti di armi” ha denunciato Christophe Malloggi del sindacato FO presso Air France. E rischiano fino a 5 anni di carcere, sì, 5 anni.

Attraverso un gesto sbagliato, i lavoratori di Air France hanno ricordato, a chi non fosse chiaro già da tempo, quali sono gli equilibri che vigono oggi tra lavoratori dipendenti e manager: i primi sempre in bilico, vivendo in un limbo di incertezze e i secondi, sicuri che nulla possa andare a ledere il loro strapotere, continuano con il loro gioco spietato.

Questo forse alla base della richiesta esorbitante di 5 anni di reclusione per gli autori dell’aggressione: una camicia stracciata che vale più di 2900 uomini rimasti senza lavoro, più di 2900 famiglie rimaste senza reddito.

Video del giorno