Santo del giorno San Martino
immagine da pixabay

L’11 Novembre la Chiesa Cattolica celebra San Martino, protettore dei soldati e dei viaggiatori: agiografia e curiosità dall’Italia

L’11 Novembre di ogni anno la Chiesa Cattolica celebra San Martino: nato nel 316 o 317 d.C., egli era figlio di un tribuno della legione romana in Pannonia (l’attuale Ungheria). La storia ce lo consegna come un uomo estremamente solidale: si narra, infatti, che un giorno mentre passeggiava in sella al suo cavallo, incontrò un mendicante che stava morendo di freddo e, senza pensarci un momento, gli regalò metà del suo mantello. Poco dopo sulla sua strada si affacciò un altro mendicante, e lui gli donò la metà rimanente del suo mantello.

Il culto

Il culto di San Martino, ha una storia sia Cristiana che pagana: se per la Chiesa Cattolica egli è il protettore dei soldati e dei viaggiatori, nella tradizione pagana egli intercede per i mariti traditi. Sull’associazione tra San Martino e i mariti traditi ci sono diverse teorie: la prima vuole che a Novembre ci fossero molte fiere di bestiame (e quindi di animali con le corna), la seconda trova terreno fertile nella gran quantità di feste pagane, tra bivacchi e adulteri ripetuti, che avevano luogo nel mese di Novembre.

Infine, un’ultima teoria è suffragata dalla data: 11/11 infatti ricorderebbe graficamente il segno delle corna fatto con le mani.

In Italia, la festa di San Martino è molto sentita soprattutto in Salento (dove in questo periodo si celebra la “presentazione” del vino novello) e a Venezia dove i bambini, proprio come si fa ad Halloween, vanno di casa in casa a chiedere qualche dolcetto o omaggio mentre cantano canzoni tipiche della tradizione veneziana.