alitalia
immagine da Pixabay

Prosegue il lavoro del Governo su Alitalia. Il futuro dell’azienda dovrà proseguire nel segno della discontinuità

Un nuovo futuro, all’insegna del cambiamento completo e della discontinuità. Questo è il progetto che il Governo Draghi vorrebbe riservare per Alitalia. Un progetto che, comunque vada, coinvolgerà sicuramente anche l’Europa. Proprio per questo, hanno deciso di fissare per martedì prossimo, 16 Marzo, il nuovo incontro sul dossier Alitalia, che sarà visto i ministri competenti del Governo e la commissaria europea alla Concorrenza, Margrethe Vestager. L’incontro si svilupperà in videochiamata. Saranno, quindi, presenti i ministri dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, e dell’Economia, Daniele Franco.

Potrebbe interessarti:

Sarà dunque l’occasione per rivedersi di nuovo, dopo aver approcciato già la prima volta lo scorso 26 Febbraio. In questo modo prosegue il lavoro del Governo sul futuro di Alitalia. Si vogliono cercare soluzioni in tempi rapidi proprio per garantire lo sviluppo anche di Ita, la newco, che dovrebbe vedere la luce in primavera.
Dovremo procedere all’insegna della discontinuità.” hanno detto all’unisono i ministri e la commissaria. Giorgetti sarà ascoltato in Commissione Trasporti della Camera sul nuovo piano di Ita. Venerdì, invece, sarà il turno dei sindacati con i commissari straordinari Giuseppe Leogrande, Daniele Santosuosso e Gabriele Fava.

Enrico Giovannini, ministro delle Infrastrutture, ha dichiarato a proposito: “Il cosiddetto spezzatino non è sinonimo di una compagnia piccola. Puntiamo ad un vettore robusto, competitivo, ma non verticalmente integrato. Se si usa il termine spezzatino implicitamente si dice una cosa piccola. Non è questo il piano di Ita. Per avere un vettore robusto non è necessario che sia del tutto verticalmente integrato, ma può stringere alleanze nuove ed essere un cliente forte anche delle funzioni eventualmente distribuite.

Letture Consigliate