Amy Winehouse dal 3 luglio nelle sale

amy

Il regista del film- documentario di Amy Winehouse, Asif Kapadia, risponde alle lamentele di suo padre

 Ci è voluto molto tempo per Mitch Winehouse  accettare di partecipare a un documentario sulla vita di sua figlia.

Egli  ha accettato solo quando Asif Kapadia è stato nominato come direttore,  e sembra essere stata una decisione di cui si pente. Mitch afferma che Kapadia stia facendo il possibile per fare di lui l’anti-eroe fin dall’inizio, e ha smosso gli avvocati per cercare di cambiare il film.

“Amy ” certamente non dipinge Mitch come un santo.

Amy Winehouse
Amy Winehouse, il film-documentario

Si parla della sua influenza sulla giovane musicista, di aver tradito sua moglie per sette anni, prima di abbandonare la famiglia, quando Amy aveva solo nove anni.

Della vita di una ragazza inglese definita “intelligentissima” , con un’anima profonda , oscurata dalle lesioni che i suoi dolori le hanno procurato, alla spasmodica ricerca d’amore; l’amore vero, puro, che consuma. Fino ad arrivare ai suoi eccessi; le notti brave, l’alcool , le droghe e gli amanti sbagliati.

Kapadia suggerisce che questo, insieme al fatto che egli era una figura forte ma assente nella sua vita, potrebbe aver lasciato Amy alla ricerca della sua affermazione nel mondo.

Questo potrebbe essere vero; quando le fu chiesto prima se volesse andare in riabilitazione, ha detto che era la decisione di suo padre, e come si può sentire in ‘Rehab‘, detto in un primo momento che lei non doveva andarci. Inoltre, il film mostra che quando ha cercato di fuggire dall’ attenzione della stampa dopo aver combattuto contro la tossicodipendenza rintanandosi in Jamaica, Mitch si presentò con un equipe televisiva per un reality. E si vociferava avesse già stilato il testamento della figlia un anno prima che lei morisse.

Non è stato carino.

Mitch ha sostenuto che le sue parole e i suoi gesti erano stati travisati; che Kapadia ha avuto un ordine particolare per dipingerlo come un cattivo.

Kapadia, che ha anche diretto Senna, rise a questa affermazione ,raccontando ad Independent :

“Come si può andare verso qualcosa secondo un “ordine” , se quando ho iniziato, non sapevo nulla della storia, o delle persone nel settore della musica ? Era solo un motivo per parlare con le persone e vedere quello che la storia fosse. Ci è voluto un po’ per far sentire a proprio agio le persone e permettergli di parlare. “

Kapadia ha condotto più di 100 interviste con la famiglia, gli amici di Amy e le persone che hanno lavorato con lei. Secondo un comunicato riportato dai media britannici, un portavoce della famiglia segnala che il film conterrebbe errori fattuali e accuse insostenibili contro la famiglia e i manager dell’artista.

Per questo, nonostante inizialmente avessero approvato il progetto, la famiglia “si dissocia dal film”.

Gli Winehouse vedono il documentario “come un’opportunità persa di celebrare la vita e il talento” della cantante, dice il comunicato.

Settimana scorsa, Mitch Winehouse, aveva detto al quotidiano “The Sun” che il film “non è quello che Amy avrebbe voluto” ed ha minacciato di voler intraprendere azioni legali per fermare il lancio.

I produttori hanno rigettato le critiche in un comunicato, sostenendo di aver approcciato il documentario in maniera totalmente oggettiva, con oltre un centinaio di interviste a conoscenti, familiari, amici ex fidanzati e persone con cui la cantante ha lavorato.

Autrice di successi come “Rehab” e “Back to Black“, Amy Winehouse fu trovata morta nel suo appartamento il 23 luglio del 2011 a 27 anni. Dopo la sua morte, le indagini confermarono che l’artista morì in seguito ad un’intossicazione da alcolici.

Il documentario sarà nelle sale dal 3 luglio.