Conte, Agnelli, juventus

Andrea Agnelli preoccupato per la crisi economica del calcio dovuta al Covid: “Quest’anno sarà peggio del 2020”

Andrea Agnelli esprime tutta la sua preoccupazione per la crisi economica del calcio dovuta al Covid. Il presidente della Juventus ritiene che la crisi è più grave di quanto si pensi, e che con gli stadi ancora chiusi peggiorerà ancora. Queste le sue parole:

Potrebbe interessarti:

“Non siamo ancora nella posizione di capire pienamente cosa sia successo alla nostra industria e cosa la crisi significhi per i club. La Deloitte Money League annuncia una perdita di due miliardi di euro per queste due stagioni ma temo sarà di più. Nella scorsa stagione abbiamo avuto solo 3-4 mesi di stadi vuoti, di sconti commerciali, di sconti per le emittenti, mentre quella in corso sarà una stagione intera senza tifosi allo stadio.

E per quanto riguarda i diritti tv, continua Agnelli, “in Germania hanno perso il 10% e ci sono a livello internazionale broadcaster che non stanno pagando i loro debiti. Ecco perché penso che questa stagione andrà peggio, riteniamo che la perdita complessiva di questi due anni per la nostra industria sia fra i 6,5 e gli 8,5 miliardi di euro”.

Secondo Agnelli, la crisi colpisce duramente anche il Calciomercato: “Quest’anno ci sono stati movimenti per 3,9 miliardi di euro contro i 6,5 dell’anno passato. Significa 2,6 miliardi in meno da un anno all’altro, senza contare gli aspetti della solidarietà dei club. Questo ci dimostra che stiamo navigando in mari molto mossi”.

Letture Consigliate