26 Ottobre 2017 - 10:15

Caso Anna Frank: canti e cori durante il minuto di riflessione

Anna Frank

Dopo l’esposizione degli adesivi di Anna Frank in Curva Sud a Roma, la Lega aveva disposto un minuto di riflessione su tutti i campi

A 4 giorni dall’esposizione degli adesivi ritraenti Anna Frank con la maglia della Roma e le scritte “Romanista ebreo” in Curva Sud dello Stadio Olimpico, la Lega Serie A ha disposto un minuto di riflessione negli stadi con la lettura di un pezzo del ‘Diario di Anna Frank’. Mentre le squadre si sono schierate in campo, lo speaker leggeva un pezzo del diario e le reazioni da parte dei tifosi non sono state positive.

Inno di Mameli all’Allianz Stadium e cori a Roma

Partendo da Torino, dove era in programma Juventus-Spal, una parte degli ultras bianconeri, voltati di spalle, hanno intonato l’Inno di Mameli. Il resto dello stadio ha ascoltato in silenzio la lettura e alla fine sono arrivati gli applausi da parte dello stadio.

Anche a Roma la curva è stata protagonista: infatti gli ultrà giallorossi hanno coperto la lettura del testo con cori dedicati ai propri beniamini. Ma anche qui il resto dello stadio ha applaudito alla chiusura del minuto di riflessione.

“Me ne frego” e saluto romano da parte dei tifosi laziali

L’attesa più grande era invece al ‘Dall’Ara’ di Bologna dove erano attesi i tifosi della Lazio, i protagonisti (negativi) di questo evento. Gli Irriducibili, storico gruppo laziale, avevano dichiarato – attraverso un comunicato – di disertare la trasferta per ‘non essere complici del teatrino mediatico’. Invece un centinaio di sostenitori, prima dell’ingresso allo stadio, si sono pronunciati in merito cantando la canzone fascista “Me ne frego”, seguito dal saluto romano. In campo i giocatori della Lazio sono entrati con la maglia “No all’antisemitismo” e il club ha omaggiato Arpad Weisz, personaggio storico del Bologna Calcio, morto in un campo di concentramento.

Sugli altri campi di Serie A, da segnalare i fischi allo Stadio Artemio Franchi di Firenze. Infine in Serie B, i tifosi dell’Ascoli sono rimasti fuori allo stadio durante l’evento in memoria della Shoah. La Lega B ha espresso ‘dissenso e amarezza’ nel gesto compiuto dai tifosi marchigiani.