Antonio Scurati vince il Premio Strega con 228 voti

Antonio Scurati

Antonio Scurati con 228 voti stravince il Premio Strega 2019, grazie a “M. Il figlio del secolo” edito da Bompiani. Lo scrittore ha sedotto le giurie con una cronaca sul fascismo raccontata al presente

Antonio Scurati ce l’ha fatta. Dopo aver sfiorato per ben due volte la vittoria, per un solo voto nel 2009 e per cinque nel 2014, ieri sera di voti ne ha totalizzati 228 stracciando secondo e terzo posto. Scurati si è aggiudicato 101 voti in più a Benedetta Cibrario e addirittura 137 in più a Marco Missiroli.

Una querelle di votazioni avvenuta ieri sera al Ninfeo di Villa Giulia a Roma, che ha visto trionfare al premio StregaM. Il figlio del secolo” in cui Antonio Scurati racconta in 800 pagine le fascinazioni pericolose del fascismo e il coraggio dei ribelli. Sono felice che molti italiani leggeranno questo libro, non solo perché l’ho scritto io, ma perché impareranno a conoscere la nostra storia con la speranza che non si ripeta“.

Dedico questa vittoria ai nostri nonni e ai nostri padri che furono prima sedotti e poi oppressi dal fascismo e soprattutto a coloro che ebbero il coraggio di combatterlo” ha spiegato Scurati, fiero della sua creatura, prima di una trilogia di libri. In cantiere bolle anche un progetto dallo scritto allo schermo, non a caso la Wildside ha già acquistato i diritti per una serie tv.

Questo libro non è soltanto un monito ad evitare gli errori del passato o mera raccolta celebrativa di chi è caduto combattendo per l’abbattimento del regime, ma è anche e soprattutto un regalo per le future generazioni,  in particolar per quella in corso. “Lo vorrei dedicare ai nostri figli con l’auspicio che non debbano tornare a vivere cent’anni fa. In modo particolare a mia figlia Lucia”.