La Regina degli Scacchi che non si sente (mai) abbastanza bella

La regina degli scacchi miniserie netflix, 25 novembre, Anya Taylor Joy
screen dal trailer yt

Sulla cresta dell’onda grazie alla serie Netflix La Regina degli Scacchi, la giovane attrice Anya Taylor-Joy confessa: “Mai sentita bella”

Il suo talento è sulla bocca e sotto gli occhi di tutti grazie al successo travolgente della miniserie Netflix La Regina degli Scacchi.

In una recente intervista al magazine britannico The Sun, tuttavia, la giovane e promettente attrice Anya-Taylor Joy ha confessato di avere molte insicurezze, legate in special modo al suo aspetto fisico, che ritiene “non abbastanza” per Hollywood: “Non mi sono mai ritenuta e credo che non mi riterrò mai bella. Credo di non essere abbastanza bella per essere nei film (…) Credo di avere un aspetto strano“.

Taylor-Joy ha iniziato la sua carriera a 16 anni iscrivendosi ad un’agenzia di modelle. Prima della consacrazione con La Regina degli Scacchi (qui la nostra recensione) è stata anche Emma nell’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo di Jane Austen:

Ho pensato Sono la prima Emma brutta, non posso farloE la prima battuta nel film era Sono bella, intelligente e ricca”.

Anya-Taylor Joy, che ha trascorso la quarantena a Londra  insieme al fidanzato (il fotografo Ben Seed) e due amici, prossimamente sarà impegnata su un doppio fronte: interpreterà una giovane appassionata di fashion design in Last Night in Soho di Edgar Wright e tornerà ad essere diretta da Robert Eggers (suo pigmalione con The Witch) in The Northman.