Carabinieri arezzo
immagine da pixabay

Un uomo di 91 anni, ad Arezzo, è salito sul tetto del suo palazzo per tentare il suicidio dopo essere risultato positivo al Covid-19. L’intervento dei Carabinieri riesce a sventare il folle gesto

La paura della morte, la paura della solitudine o di far male a qualcuno. Il coronavirus è un incubo anche dal punto di vista psicologico e lo sa bene un anziano di Arezzo che ha tentato di togliersi la vita dopo l’esito positivo del tampone. L’uomo, infatti, aveva da poco saputo di aver contratto il virus e, per motivo non ancora chiariti, ha deciso di farla finita. Si è recato sul tetto del palazzo dove abita con l’intento di buttarsi di sotto.

Potrebbe interessarti:

Il gesto non è passato inosservato a vicini e passanti che hanno immediatamente allertato i carabinieri. I militari sono immediatamente accorsi, sono entrati nel palazzo, saliti sul tetto fino al punto dove l’uomo minacciava di buttarsi e sono riusciti ad afferrarlo in tempo, sventando il folle gesto dell’uomo. L’anziano signore, come riportato dal Corriere di Arezzo, è stato affidato alle cure del 118.

Quello che è successo è una versione esasperata del sentimento di tutti, in Italia e non. Il Covid-19 non va a minare solo l’organismo, ma anche la mente di chi è affetto e no. Il sintomo della paura pervade la gran parte degli esseri umani, in questo momento e, nonostante si intravedano barlumi di speranza attraverso i vaccini, è sempre più difficile andare avanti.

Letture Consigliate