australian open
Immagine da Pixabay

Nuova ondata di contagi a Melbourne porta ad un lockdown di 5 giorni. Niente pubblico sugli spalti dell’Australian Open

A causa dell’aumento dei casi da corona virus nello stato australiano di Victoria, il premier Daniel Andrews ha imposto un lockdown della durata di 5 giorni proprio in occasione degli Australian Open. Inizierà venerdi 12 febbraio a partire dalle 23:59. Una decisione molto sofferta sopratutto in occasione di uno degli eventi più attessi del mondo del tennis, ma necessaria per contenere il focalio di 13 contagiati riscontrati all’hotel Holiday Inn dell’aeroporto della capitale.

Potrebbe interessarti:

Inoltre sembra che questi contagi derivino dalla variante inglese del covid che risulta essere più contagiosa e aggressiva, secondo anche quanto riportato dal governo australiano. “Il ceppo del Regno Unito si sta muovendo ad una velocità mai riscontrata nel nostro Paese. Sono fiducioso che questa misura restrittiva possa risultare efficace. Voglio essere qui mercoledì prossimo ad annunciare che queste restrizioni saranno rimosse”.

Per quanto riguarda gli Australian Open, il Premier Andrews ha deciso che l’evento si svolgerà regolarmente, ma senza pubblico durante lo svolgimento dei match. Una decisione molto difficile anche dal punto di vista economico, ma che è utile per cercare di contenere i contagi e mettere al sicuro sia i tennisti che tutto lo staff organizzativo degli Australian Open.

Letture Consigliate