bafta 2019

Si è tenuta ieri la cerimonia di consegna dei Bafta 2018. La Royal Albert Hall di Londra ha accolto star in total black per protesta contro la violenza di genere

Ora la strada verso gli Oscar è tutta in discesa: anche i Bafta 2018 hanno i loro vincitori, celebrati ieri sera nella cornice di una Royal Albert Hall di Londra primo avamposto di resistenza contro la violenza. Tutte le star si sono presentate alla cerimonia in abito nero, tranne la Principessa Kate Middleton in dolce attesa, e qualche attrice, come Emma Watson, ha reso note le sue intenzioni filantropiche.

Potrebbe interessarti:

I premi più attesi

Se “Tre Manifesti ad Ebbing Missouri” ha letteralmente dominato la serata, portandosi a casa il premio come miglior film, “Mademoiselle” di Park-Chan Hook ha vinto come miglior film non in lingua inglese.

Pronostici rispettati nelle categorie Miglior Attore e Miglior Attrice Protagonista, rispettivamente Gary Oldman per “L’ora più buia” ed il suo Churchill, “il migliore di sempre” e Frances Mc Dormand, in odore di Oscar, per “Tre Manifesti ad Ebbing Missouri” che, tra l’altro, incorona anche Sam Rockwell Miglior Attore non protagonista.

Daniel Kaluya ha vinto il Premio come Miglior Stella Emergente mentre l’irresistibile Allison Janney è stata incoronata Miglior Attrice non Protagonista per l’attesissimo “I, Tonya”.

L’Academy Fellowship Award è andato a Ridley Scott: gli altri premi

Miglior debutto di un regista, sceneggiatore o produttore britannico: Rungano Nyoni ed Emily Morgan per I am not a witch

Miglior Documentario: I am not your Negro di Raoul Peck

Miglior Film d’animazione: Coco

Miglior Regista: Guillermo Del Toro per The Shape of Water

Miglior sceneggiatura originale: Martin McDonagh per Tre Manifesti ad Ebbing, Missouri

Miglior sceneggiatura non originale: James Ivory per Chiamami col tuo nome

Miglior Colonna sonora: Alexandre Desplat per The Shape of Water

Miglior Fotografia: Roger Deakins per Blade Runner 2049

Miglior Montaggio: Jonathan Amos e Paul Machliss per Baby Driver – Il Genio della fuga

Miglior Scenografia: Paul D. Austerberry, Jeff Melvin e Shane Vieau per The Shape of Water

Migliori Costumi: Mark Bridges per Il filo Nascosto

Miglior Trucco e acconciatura: David Malinowski, Ivana Primorac, Lucy Sibbick e Kazuhiro Tsuji per L’ora più buia

Miglior Sonoro: Richard King, Gregg Landaker, Gary A. Rizzo e Mark Weingarten per Dunkirk

Migliori Effetti Speciali: Gerd Nefzer e John Nelson per Blade Runner 2049

Miglior Cortometraggio Britannico: Cowboy Dave di Colin O’ Toole

Miglior Cortometraggio Animato Britannico: Poles Apart di Paloma Baeza Ser En Low

Letture Consigliate