bullismo bullo

Bullismo, 19enne arrestato dopo vari episodi di violenza. Il bullo era a capo di una baby gang. Nei guai altri 6 amici, tra cui anche 2 donne

BULLISMO: PICCHIAVA GENTE PER SVAGO, GLI AGENTI LO ARRESTANO E LUI SCOPPIA IN LACRIME- Il bullo che terrorizzava e picchiava le sue vittime è scoppiato in lacrime al momento dell’arresto. Gli agenti sono andati a casa sua e lui si è mostrato, forse per la prima volta, fragile. Sarebbe stato lui, secondo le indagini del commissariato Ticinese, a guidare la gang che la notte del 27 Settembre massacrò di botte un ragazzo di 19 anni. Secondo quanto riportano anche i colleghi di “milanotoday“, la vittima avrà un deficit uditivo permanente, proprio a causa dell’aggressione subita.

Potrebbe interessarti:

Ma come ebbe origine “la faida”? Il tutto partì da una banalissima richiesta: “Mi dai una sigaretta”? Da lì è scoppiata la rissa, nella quale la gang pestò con una violenza inaudita il 19enne italiano. Il ragazzo, inizialmente giudicato guaribile in 30 giorni, si trascina ancora oggi il problema all’udito causato dall’aggressione. Non solo il pestaggio in Darsena, però. La gang si è infatti resa protagonista anche di una aggressione avvenuta il 3 settembre in viale Famagosta. In quel caso, la vittima fu un ragazzo di origini filippine, aggredito e pestato con veemenza. Il branco gli rubò anche cellulare, vestiti e scarpe. Ora però il “boss” della babygang è in carcere. E nei guai a breve potrebbero finire anche i suoi “sottoposti”: nel gruppo ci sono anche 2 donne.

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK. CLICCA QUI.

Letture Consigliate