digital green pass ue
Immagine da YouTube

Il Parlamento europeo ha approvato il Green Pass: la validità sarà di nove mesi e non sarà considerato un documento di viaggio

Il Green Pass è stato approvato in via definitiva dal Parlamento europeo con 546 voti a favore; ora il testo dovrà essere formalmente adottato dal Consiglio e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, per l’entrata in vigore e l’applicazione immediata dal primo luglio.

Potrebbe interessarti:

Chi ha diritto al certificato e quanto durerà

Saranno le autorità nazionali a rilasciare gratuitamente il certificato, il quale sarà disponibile in formato digitale o cartaceo con un codice QR. Il sistema si applicherà dal primo luglio 2021 e resterà in vigore per 12 mesi. Il certificato non costituirà una condizione preliminare per la libera circolazione e non sarà considerato un documento di viaggio. Il documento attesterà che una persona è stata sottoposta alla vaccinazione contro il Covid-19, la cui validità sarà di nove mesi a partire dal quattordicesimo giorno dall’iniezione che immunizza.

Anche i guariti dal Covid hanno diritto al certificato, ma per loro la durata sarà di sei mesi. Chi invece si è sottoposto a tampone ed è risultato negativo, avrà libertà di circolazione per 48 ore. I Green pass emessi dal singolo Paese verranno inseriti nel Gateway, la piattaforma comunitaria che raccoglie i dati di tutti i certificati. Intanto, perché ogni Paese possa produrre test sicuri e a basso costo la Commissione ha stanziato 100 milioni di euro.

Tutti i Paesi dell’Ue devono accettare i certificati di vaccinazione rilasciati in altri Stati membri per i vaccini autorizzati dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA), mentre saranno liberi di decidere se accettare anche i certificati autorizzati secondo le procedure nazionali o per i vaccini elencati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per l’uso d’emergenza.

Letture Consigliate