Calderoli: “Scateneremo un ‘Vietnam’ in Senato”

Calderoli
Screenshot da YouTube

Il vicepresidente del Senato dichiara guerra alla maggioranza: “Deve imparare a stare al mondo”. Fedeli (PD): “Va contro il funzionamento delle istituzioni”

Dopo l’assestamento della Camera e del Senato e i relativi cambi di casacca e nuovi partiti, la maggioranza deve fare i conti con un’opposizione dura. Soprattutto dalla parte leghista. A parlare di “opposizione dura e senza sconti” è un importante esponente della Lega, Roberto Calderoli.

Il senatore leghista, nonché vicepresidente del Senato, ha dichiarato, tramite un’intervista al Corriere, la volontà di non dare tregua al Governo con tutti i mezzi, normativi e procedurali, a sua disposizione.

È solo l’inizio e infatti siamo già partiti anche con l’addestramento dei colleghi del gruppo per un’opposizione dura e senza sconti; oggi c’è stato il primo incontro al quale ne seguiranno altri per esaminare e approfondire insieme, uno a uno, gli articoli del regolamento del Senato e i titoli della Costituzione.” dichiara il leghistaPoi specifica l’intenzione di voler “scatenare un Vietnam in Senato

E il Vietnam può diventare un inferno, perché è pieno di trappole. I vietcong, del resto, non ti avvisano prima: così ti ritrovi in fondo a una buca buia senza rendertene contoprecisa Calderoli.

La senatrice del PD, Valeria Fedeli, non ci sta e va all’attacco: “Così si rema contro il funzionamento delle istituzioni“. Altri invece fanno notare che quando la Lega era in maggioranza, l’opposizione si comportava con più fair play.

Calderoli non smentisce di “giocare sporco” e replica: “Ma ora la musica è cambiata. La maggioranza deve imparare a stare al mondo.